Stasera in TV the wolf of wall street Leonardo DiCaprio Cinematographe

Nella sua azione legale su The Wolf of Wall Street, l’ex dirigente della Stratton Oakmont Andrew Greene ha presentato le deposizioni di DiCaprio, Martin Scorsese e dello sceneggiatore Terence Winter.

Questo è un momento legalmente pericoloso per film e programmi televisivi che sono liberamente basati su eventi reali. Diverse azioni legali riguardanti la storia romanzata sono in fase avanzata con decisioni imminenti innescate per articolare i principi del Primo Emendamento e, possibilmente, stabilire dei limiti per i registi. Un caso riguarda The Wolf of Wall Street, il film nominato all’Oscar nel 2013 diretto da Martin Scorsese e interpretato da Leonardo DiCaprio nel ruolo dell’agente di borsa Jordan Belfort. Le società di produzione associate a questo film, tra cui Paramount Pictures, Red Granite, Sikelia Productions di Scorsese e Appian Way di DiCaprio sono state citate in giudizio da Andrew Greene, che a metà degli anni ’90 era consigliere generale della ex azienda di Belfort, Stratton Oakmont.

Greene sostiene nella sua causa che è stato la base per il personaggio di Nicky “Rugrat” Koskoff ed è stato “interpretato come un criminale, tossicodipendente, degenerato, depravato e / o privo di qualsiasi morale o etica”. Nell’ottobre 2015, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Joanna Seybert ha respinto la richiesta di riserbo di Greene, ma ha permesso alla diffamazione di sopravvivere. In particolare, Greene dovrà dimostrare che i produttori sono stati gravemente negligenti quando si è trattato di dichiarare il falso su Koskoff nel film.

Dopo la decisione, entrambe le parti si sono impegnate nella scoperta. Ora che il caso di Greene è nella fase di giudizio sommario, il giudice esaminerà se vi siano questioni di fatti attendibili sia nel dispensare la causa sia nel passarla in giudizio. Greene ha davvero fatto un festino con le prostitute a un addio al celibato con vassoi in argento sterling contenenti droghe illegali? Il film era sostanzialmente vero? Un normale spettatore ragionevole assocerebbe Greene e Koskoff? Di Caprio e Scorsese sostengono di sì, mentre non è dello stesso avviso lo sceneggiatore Terence Winter.

Lo sceneggiatore ha testimoniato durante la sua deposizione molto chiaramente che la precisione dei fatti non era importante per i contenuti nello sviluppo della sceneggiatura e della produzione cinematografica”, come afferma il suo memorandum. L’unica preoccupazione che i Convenuti avevano era di ritrarre le maniaedel punto di vista di Jordan Belfort. “Come risultato di quanto sopra, è chiaro che i convenuti si sobo impegnati nello spericolato disprezzo per la verità nella produzione del film soggetto.”

Ora toccherà a DiCaprio difendersi dalle accuse di non essersi documentato adeguatamente prima di vestire i panni del suo personaggio di The Wolf of Wall Street.

[amazon_link asins=’B00IG1Z2G2,B00GZ0NR6I,B00LJ0X1PG’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’428f4c9d-2183-11e8-96de-c7dff5a3f455′]

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto