Solo: A Star Wars Story – Alden Ehrenreich parla delle origini di Han

In un'intervista con Entertainment Weekly, Ehrenreich ha affermato che il personaggio sarà in qualche modo diverso da quello che i fan conoscono dalla trilogia originale di Star Wars.

Dopo mesi e mesi di silenzio radio, i fan stanno finalmente iniziando a saperne di più su Solo: A Star Wars Story.

L’attore Alden Ehrenreich rileva il ruolo principale di Harrison Ford. E con i primi trailer e nuovi dettagli della trama che vengono rivelati, Ehrenreich si sta aprendo sul viaggio del giovane Han Solo.

“Penso che narri la storia di un giovane che insegue un sogno per uscire dalla sua rude educazione, e gran parte della storia è attorno a lui che sta cercando di realizzare questo sogno e scoprire che è molto più difficile di quanto avesse immaginato “, ha detto Ehrenreich. “Una delle cose divertenti di questo film, ma anche una delle cose che lo caratterizzano davvero è che si svolge in un vero e proprio mondo sotterraneo dell’universo di Star Wars.”

In un’intervista con Entertainment Weekly, Ehrenreich ha affermato che il personaggio sarà in qualche modo diverso da quello che i fan conoscono dalla trilogia originale di Star Wars.

“Penso che la cosa principale che è diversa è che l’Han che incontriamo in questo film è più di un idealista, ha alcuni sogni nel cassetto, e guardiamo come questo lo influenza mentre quei sogni incontrano nuove realtà, realtà che sono più dure e più impegnative di quanto si aspettasse”, ha detto Ehrenreich.

Quando gli è stato chiesto di approfondire quali sarebbero stati i sogni di un giovane Han Solo, l’attore ha alluso al fatto che potrebbero avere un’importanza specifica per la trama, che non è ancora possibile rivelare.

“Non posso dire esattamente, ma sicuramente implica l’indipendenza e darsi da fare da soli”, ha detto Ehrenreich. “Penso che i Kasdan abbiano fatto un lavoro meraviglioso di tipo retroattivo con il tipo di background che lo porta a diventare il personaggio che tutti conosciamo.” Nell’intervista, EW ha cercato di convincere Ehrenreich a suggerire che Han potrebbe essere molto vicino a certo vile gangster su Tatooine.

“Be’, una cosa che conosci in qualche modo dell’universo di Star Wars, ma che impari in un modo molto più efficace mentre ci sei dentro, è che vivere in quell’universo è difficile”, ha detto Ehrenreich. “La maggior parte delle persone, specialmente durante il regno dell’Impero, sono sotto il controllo di una specie di forza o di un’ altra, nessun gioco di parole, avere le risorse e la stabilità per raggiungere i propri obiettivi, fare ciò che si vuole, avere libertà, non è qualcosa che arriva facilmente, quindi il sogno di Han è quello di farlo accadere per se stesso”.

Solo: A Star Wars Story debutta nei cinema il 23 maggio.

[amazon_link asins=’B019RP7EQ6,B010B93PAG,B01APH645C,B016L1JB7Y’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’bd10db81-0c47-11e8-a00e-4f91189ed6d3′]

Tags: Star Wars

Articoli correlati