Mel Gibson è stato ricoverato in ospedale a causa del coronavirus

Ad aprile l'attore e regista premio Oscar Mel Gibson è stato ricoverato una settimana in ospedale dopo aver contratto il coronavirus.

Da leggere

Marvel: Sony annuncia due nuovi film per il 2023

La Sony continua ad ampliare il suo Universo di Personaggi Marvel. Altri villain di Spider-Man in arrivo? Il Sony Pictures...

Avete visto il padre di Ryan Reynolds? Era un poliziotto ed è morto di morbo di Parkinson all’età di 74 anni

Anche nelle vite di successo si possono nascondere grandi dolori. Lo sa bene Ryan Reynolds, uno degli attori più...

Spider-Man: No Way Home, la cover di Empire spoilera un nuovo villain?

La nuova cover di Empire Magazine dedicata a Spider-Man: No Way Home sembra confermare la presenza di un altro...

Block title

Il rappresentante di Mel Gibson rivela che l’attore ad aprile è stato ricoverato per aver contratto il COVID-19

A quanto pare Mel Gibson ha contratto il coronavrius ad aprile. Non solo ha contratto il COVID-19, ma le sue condizioni erano abbastanza gravi da dover essere ricoverato in ospedale per una settimana, a Los Angeles. Un rappresentante dell’attore ha dichiarato oggi al Daily Telegraph: “È risultato positivo in aprile e ha trascorso una settimana in ospedale. È stato trattato con il farmaco Remdesivir, mentre era in ospedale, e da allora è risultato negativo numerose volte e positivo per gli anticorpi”.

Gibson è l’ultimo di una lunga lista di celebrità che hanno confermato di aver contratto il virus. Tom Hanks e sua moglie Rita Wilson furono pubblicamente le prime celebrità a rivelare la loro diagnosi. Altri a cui è stato diagnosticato il coronavirus sono la star di Fast and Furious Idris Elba, Daniel Dae Kim di Lost, la cantante Pink e l’exmagnate del cinema Harvey Weinstein (che lo ha contratto mentre era in prigione). Il virus si è anche diffuso tra figure politiche con Boris Johnson nel Regno Unito e il senatore Rand Paul negli Stati Uniti, tra gli altri.

Non estraneo alle polemiche, Mel Gibson ha fatto di nuovo parlare di se il mese scorso quando la star di Stranger Things Winona Ryder ha affermato di aver ricevuto da lui commenti antisemiti durante una festa. L’attore ha però negato tali accuse. Dopo quest’ultima storia è stato rivelato che Gibson non riprenderà la sua parte per l’attesissimo sequel di Galline in fuga di Aardman Animation. Variety ha però riferito che i suoi precedenti “problemi comportamentali” non hanno a che vedere con questa decisione, in quanto il sequel ruoterà attorno a dei polli più giovani, quindi sono alla ricerca di voci diverse. Da quando ha diretto il film premio Oscar Hacksaw Ridge Gibson si è unito a numerosi progetti, ma pochi sono stati realizzati. In precedenza aveva annunciato lo sviluppo del sequel del suo film del 2004 La Passione di Cristo, mai venuto alla luce. Da allora Gibson ha recitato in film come Force of Nature, The Professor and the Madman e Dragged Across Concrete.

ViaCB

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Marvel: Sony annuncia due nuovi film per il 2023

La Sony continua ad ampliare il suo Universo di Personaggi Marvel. Altri villain di Spider-Man in arrivo? Il Sony Pictures...

Articoli correlati