Aardman Animation Studios ha rilasciato i primi dettagli sulla trama di Galline in fuga 2

A 20 anni dal giorno dell’uscita di Galline in fuga, Aardman Animation Studios ha confermato che produrrà il sequel del film, questa volta con il sostegno di Netflix, che lo distribuirà il film globalmente, al di fuori della Cina. Il sequel è stato a lungo vociferato, sebbene il coinvolgimento di Netflix sia una grande novità. Due decenni dopo la sua uscita, Galline in fuga rimane il film d’animazione in stop-motion più redditizio di tutti i tempi ed è stato nominato come miglior film d’animazione agli Oscar del 2000. Per il primo capitolo alla regia c’erano Peter Lord e Nick Park, questa volta ci sarà Sam Fell (Paranorman).

“Ne abbiamo discusso così tante volte nel corso degli anni e abbiamo trovato varie idee ma non ne abbiamo mai trovato una che ci piacesse veramente”, ha spiegato Lord. “Ma era sempre nei nostri pensieri. Ora abbiamo la storia perfetta e anche il rapporto con Netflix è perfetto perché celebrano il regista e sono così amichevoli con lui. Sento che ora possiamo realizzare il sequel che vogliamo, quello a cui teniamo davvero”.

“Abbiamo lavorato alla sceneggiatura per un po’ di tempo, anni in verità”, ha confessato Fell, ricordando una sessione di brainstorming con i co-sceneggiatori Karey Kirkpatrick e John O’Farrell.

galline in fuga, aardman animations, cinematographe.it

Il sequel del film sarà incentrato su Ginger, che ora vive nel paradiso dei polli senza umani. Lì, Ginger e Rocky schiudono un uovo insieme e nasce la figlia Molly. La ragazza cresce rapidamente e Molly inizia a voler “prendere il volo” dai suoi genitori. Inoltre, delle voci su una nuova e terribile minaccia dalla terraferma costringono Ginger a radunare le sue truppe e a mettere a repentaglio la propria libertà, conquistata duramente, per il bene di tutti i polli!

Le riprese sono previste per il prossimo anno con Lord, Carla Shelley e Karey Kirkpatrick che torneranno come produttori esecutivi della pellicola. Steve Pegram produrrà e Park sarà coinvolto come consulente creativo. Rachel Tunnard si unirà a Kirkpatrick e a O’Farrell come sceneggiatore.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO