Jurassic World: Il Regno Distrutto Cinematographe

Il grande successo di Jurassic World: Il Regno Distrutto ha fruttato alla Universal anche una causa milionaria dal fondatore del The Dinosaur Project

Jurassic World: Il Regno Distrutto è stato un grande successo al box office, ma potrebbe presto diventare anche un grande motivo di attrito tra la Universal e colui che la ha appena citata in giudizio.

Jurassic World: Il Regno Distrutto – Ecco come il film sarebbe dovuto finire

La casa di produzione del film, assieme alla Amblin Enterteinment di Steven Spielberg, è stata infatti citata da Frederick Zaccheo del The Dinosaur Project  (un’associazione che si occupa della prevenzione degli animali) il quale la avrebbe accusata di aver violato un contratto di diffusione dello slogan appartenente a quest’ultimo, ovvero: “Saves the Dinos” (Salvate i Dinosauri). La frase sarebbe stata usata per diversi articoli di merchandising, e Zaccheo avrebbe  quindi citato la casa di produzione con una causa che ammonta a 10 milioni di dollari.

Secondo l’accusatore infatti la Universal avrebbe violato i diritti di copyright del marchio di The Dinosaur Project. Zaccheo avrebbe dichiarato di essere stato contattato dalla casa di produzione nel 2017 per lo sfruttamento del marchio, e l’accordo sarebbe stato raggiunto grazie a 50mila dollari versati a Zaccheo in cambio dello sfruttamento dello slogan per la promozione del film.

Ma la Universal invece avrebbe usato la frase anche per diverso materiale di merchandising, arrivando a promuovere singolarmente lo slogan, senza includervi a volte il logo stesso di Jurassic Park.

Per questo motivo Zaccheo ha ora citato in causa la Universal per ben 10 milioni di dollari. Insomma, Jurassic World non smette di macinare record, anche in tribunale.

 

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE