il gladiatore, il gladiatore 2, cinematographe.it

Il Gladiatore 2 è in lavorazione, con Ridley Scott alla regia e Peter Craig dietro la sceneggiatura. Ma quando sarà collocato temporalmente?

Nel 2000, Il Gladiatore di Ridley Scott è diventato uno dei più grandi film dell’anno, conquistando 457,6 milioni di dollari in tutto il mondo e l’Oscar per il miglior film, il miglior attore, i migliori effetti visivi, i migliori costumi e il miglior montaggio sonoro. Tra la natura epica della storia e la conclusione del film con la morte di Massimo (Russell Crowe), la risposta istintiva del pubblico non è stata quella di chiedere un sequel.

Le cose sono cambiate negli ultimi due decenni, dato che Scott ha iniziato a lavorare a un film di follow-up, che è stato scritto da Peter Craig. I produttori del sequel in arrivo hanno confermato che il nuovo film avrà luogo circa 25 anni dopo l’originale.

Stiamo lavorando con Ridley, ed è uno che non toccheremmo se non avessimo la sensazione di avere un modo legittimo per farlo, quindi stiamo lavorando anche con uno scrittore straordinario, Peter Craig“, ha condiviso il produttore Laurie MacDonald con HeyUGuys.Il produttore Walter F. Parkes ha aggiunto: “Riprende la storia 30 anni dopo, 25 anni dopo“.

Ecco come potrebbe tornare Massimo Decimo Meridio

La notizia di un sequel de Il Gladiatore che arriva quasi due decenni dopo l’uscita del film originale potrebbe sembrare scioccante, ma per Scott non è affatto strano. Mentre negli anni sono stati realizzati molti sequel del suo Alien del 1979, Scott stesso non è tornato nei franchising fino al 2011 con Prometheus, che ha fatto seguire con Alien: Covenant.

Nel 1982, Scott ha consegnato il Blade Runner interpretato da Harrison Ford, che si è guadagnato un sequel nel 2017 con Blade Runner 2049, diretto da Denis Villeneuve. Tra il tempo che è trascorso dall’uscita de Il Gladiatore e la morte del personaggio principale, il pubblico ha ipotizzato che un nuovo film non si sarebbe concentrato su Massimo, ma Scott ha suggerito nel 2017 di aver trovato un modo per far rivivere il personaggio.

So come riportarlo indietro“, ha condiviso Scott a South by Southwest. “Ne stavo parlando con lo studio – ma è morto. “Ma c’è un modo per riportarlo indietro. Se accadrà non lo so. Il Gladiatore è stato fatto nel 2000, quindi Russell è leggermente cambiato. Sta facendo qualcosa in questo momento, ma sto cercando di riportarlo qui.

Nonostante la mancanza di dettagli sul progetto, non possiamo fare a meno di sperare che Scott utilizzi alcune delle idee con cui il musicista australiano Nick Cave ha giocato quando Crowe gli ha chiesto di scrivere la sceneggiatura anni fa.

[Crowe] mi ha chiamato e mi ha chiesto se volevo scrivere Il Gladiatore 2“, Cave aveva precedentemente condiviso sul podcast WTF. “Per qualcuno che aveva scritto una sola sceneggiatura cinematografica, era una vera domanda. ‘Ehi Russell, non sei morto ne Il Gladiatore 1?’ ‘Sì, la devi risolvere.’ Quindi, va in purgatorio e viene mandato dagli dei, che stanno morendo in paradiso perché c’è questo dio, c’è questo personaggio di Cristo, sulla Terra che sta guadagnando popolarità e così molti dei stanno morendo così mandano indietro Il Gladiatore per uccidere Cristo e i suoi seguaci.

Ha aggiunto: “Volevo chiamarlo Christ Killer e alla fine si scopre che l’uomo principale era suo figlio, quindi ha dovuto uccidere suo figlio ed è stato ingannato dagli dei. Diventa questo guerriero eterno e termina con questa scena di guerra di 20 minuti che segue tutte le guerre della storia, fino al Vietnam e tutto quel genere di cose, ed era selvaggio. Era un capolavoro freddo come la pietra. Mi è piaciuto molto scriverlo perché sapevo ad ogni livello che non sarebbe mai stato realizzato. Chiamiamolo un distributore di popcorn“.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE