Glass Cinematographe

Il regista M. Night Shyamalan ha rivelato che il primo cut di Glass aveva una durata superiore alle tre ore

Glass è il culmine di una saga avviata circa 20 anni fa con Unbreakable – Il predestinato, che offrirà agli spettatori una collaborazione che mai avremmo pensato di voler vedere così intensamente. L’epica natura della narrazione significa che ci sono un sacco di pezzi di dover mettere insieme e, infatti, il regista M. Night Shyamalan ha precisato che, proprio per la complessità del progetto e il dover mettere in gioco così tante storyline, il film inizialmente durava più di tre ore.

Lo script era molto lungo, era quasi 150 pagine e il primo cut durava 3 ore e 20 minuti, era davvero molto lungo” ha condiviso Shyamalan con Digital Spy. “Poi abbiamo cercato di stringere e stringere ancora di più, finché non siamo arrivati alle 2 ore e 8 minuti che vedrete nelle sale“.

Glass: ecco il nuovo trailer italiano del thriller di M. Night Shyamalan

Lo scorso anno, Split ha visto Kevin Crumb (James McAvoy), un uomo con la psiche fratturata, rapire delle ragazze per sacrificarle a una delle sue più mortali personalità. Il film finisce con la rivelazione che la pellicola è ambientata nello stesso universo di Unbreakable – Il predestinato, dato che viene mostrato il David Dunn di Bruce Willis.

Una delle prime sequenze a essere tagliata dal primo cut è stata una scena che raccontava gli eventi dei primi due film. “Tutto quello che deve fare è dire ‘Il mio nome è Patricia’” ha condiviso il regista riguardo a una scena col personaggio di Sarah Paulson. “Nella sceneggiatura c’è una scena molto più lunga, dove è possibile rivivere l’umore, il rapporto, e la connessione alle ragazze, capendo allo stesso tempo che lei ha delle personalità multiple“.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE