Ghostbusters, Cinematographe.it
@Sony Pictures Entertainment

Il trailer recentemente pubblicato di Ghostbusters: Legacy di Jason Reitman sta affrontando le critiche di alcuni utenti di Internet per una somiglianza con la serie Stranger Things

In Ghostbusters: Legacy, il terzo film tanto atteso e il sequel di Ghostbusters del 1984 di Ivan Reitman e del suo sequel del 1989 Ghostbusters II, la famiglia di un ex Acchiappafantasmi si trasferisce in una piccola città in Oklahoma, dove scopre presto eventi soprannaturali: la mamma single Callie (Carrie Coon), la figlia ossessionata dalla scienza Phoebe (Mckenna Grace) e il figlio meccanico Trevor (Finn Wolfhard) iniziano a sospettare qualcosa di strano nel loro vicinato, spingendo Phoebe e Trevor ad agire come parte di una nuova generazione di Ghostbusters.

Il nuovo film di Ghostbusters sarà un plagio di Stranger Things“, ha twittato una persona. Si legge in un altro tweet, “Ho appena visto il nuovo trailer della nuova stagione di Stranger Things, e per qualche ragione si chiama ‘Ghostbusters’.

Il trailer ufficiale del film!

Sia Stranger Things che Ghostbusters: Legacy vedono protagonisti Wolfhard nei panni di un teenager di una piccola cittadina costretto ad affrontare il paranormale. Wolfhard una volta ha ammesso di aver creduto che il suo ruolo di Stranger Things gli avrebbe impedito di recitare nel nuovo Ghostbusters, raccontando a The Hollywood Reporter durante l’estate:

Stavo facendo il provino e, per quel motivo esatto, ho pensato, ‘Jason Reitman probabilmente non guarderà nemmeno il mio nastro perché l’ho già fatto in Stranger Things’ Ma immagino che si sia proprio identificato con il mio nastro, e alla fine le cose sono andate per il meglio.

Ghostbusters: Legacy debutterà nelle sale cinematografiche il 10 luglio 2020.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto