FESCAAAL 2021: Lina From Lima e Softie vincono ex aequo. Ecco tutti i vincitori

Annunciati i vincitori del 30° Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina (FESCAAAL), tenutosi online dal 20 al 28 marzo 2021.

Da leggere

Days (Rìzi): recensione del film di Tsai Ming-liang

C'è un uomo, seduto in poltrona nel soggiorno di casa sua, che guarda la pioggia fuori dalla finestra. Lo...

Rita Hayworth e lo strazio di quella malattia gravissima e invisibile scambiata per alcolismo

Tutti imputarono i comportamenti di Rita Hayworth all'alcolismo. In realtà, dietro si nascondeva ben altro... Il contributo di Rita Hayworth...

Operation Hyacinth: recensione del thriller polacco Netflix

Quella di Operation Hyacinth è una storia di vittime e carnefici, un thriller ben strutturato dalle tinte noir. Disponibile...

Block title

Il FESCAAAL è il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

Sono stati annunciati i vincitori del 30° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FESCAAAL), tenutosi online dal 20 al 28 marzo 2021. Lina from Lima di Marìa Paz Gonzàlez e Softie di Sam Soko si aggiudicano ex-equo il Premio Comune di Milano Miglior Lungometraggio Finestre sul Mondo. Il Premio Miglior Cortometraggio Africano va invece a  Da Yie di Anthony Nti; il Premio Miglior Film Extr’A lo vince Los Oceanos Son Los Verdaderos Continentas di Tommaso Santambrogio. Il Premio del Pubblico è stato vinto da Nuestra Madres di César Diaz. Tutti i film premiati resteranno in programmazione su MYmovies.it sino alla mezzanotte di lunedì 29 marzo.

Il premio del concorso lungometraggi “Finestre sul mondo” ex aequo è stato vinto da Lina From Lima e Softie con la seguente motivazione della giuria, composta da Michela Occhipinti, Hinde Boujemaa e Beatriz Seigner: “Dopo una riunione di giuria lunga e appassionante, che ci ha fatto fare pensieri e riflessioni profonde su tutti i bellissimi film che sono parte della selezione, abbiamo deciso di assegnare il premio ex aequo, non perché non ci siamo trovate d’accordo, ma proprio perché la qualità dei film era molto alta e tra due film, che ci hanno toccato profondamente, è stato impossibile scegliere e lasciare uno indietro. Per due storie di grande impatto, ricche di livelli narrativi e di temi universali; per la capacità di mostrare la realtà nella poesia e la posai nella realtà; per la complessità dei due personaggi protagonisti – di cui ci siamo innamorate – e per la ricchezza nel ritrarre anche i personaggi secondari in maniera piena e sensibile”.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Days (Rìzi): recensione del film di Tsai Ming-liang

C'è un uomo, seduto in poltrona nel soggiorno di casa sua, che guarda la pioggia fuori dalla finestra. Lo...

Articoli correlati