Ellen Page

Ellen Page ha accusato il regista ormai caduto in disgrazia Brett Ratner di comportamento omofobico verso di lei sul set di X-Men – Conflitto finale del 2006, escludendola dal resto del cast e della crew. Page, in un messaggio pubblicato venerdì sulla sua pagina di Facebook, ha anche detto che si è vergognata di lavorare con il presunto predatore sessuale Woody Allen nel suo film del 2012 To Rome With Love.

Secondo Page, Ratner ha fatto dichiarazioni inappropriate su di lei ad un’altra attrice durante il primo giorno di riprese di X-Men – Conflitto finale, in cui la Page interpreta Kitty Pryde.

“Dovresti scoparla per farla rendere conto di essere gay”. Ha detto questo su di me durante un incontro di presentazione del cast e della crew prima di iniziare a girare. Avevo diciotto anni. Guardò una donna in piedi accanto a me, dieci anni più vecchia di me mi indicò e disse: “Dovresti per scoparla per farle capire che è gay”. Era il regista del film, Brett Ratner.

Ero una giovane adulta che non aveva ancora fatto i conti con se stessa. Sapevo che ero gay, ma non lo sapevo, per così dire. Mi sono sentita violata quando questo è accaduto. Ho iniziato a fissarmi i piedi, non ho detto una parola e me ne sono stata lì, ma nessuno ha detto una parola. Quest’uomo, che mi aveva inserito nel cast del film, ha iniziato i nostri mesi di riprese con questa dichiarazione orribile e accusatoria. Mi ha messo alla gogna senza rispetto per il mio benessere, un atto che tutti riconosciamo come omofobico.

Anna Paquin, anche lei protagonista del film, ha confermato la storia di Ellen Page su Twitter. “Ero lì quando questo commento è stato fatto”, ha scritto Paquin sui social media poco dopo che il post è diventato pubblico. “Sto con te. @ EllenPage”.

Ratner è stato costretto la settimana scorsa da Warner Bros., che ha un accordo di cofinanziamento cinematografico da 450 milioni di dollari con la sua RatPac Entertainment, a lasciare il suo ufficio nello studio di Burbank, California, poco dopo che il LA Times aveva riferito che sei donne lo avevano accusato di cattiva condotta sessuale.

Page ha detto anche nel messaggio di essere stata portata fuori per una cena d’affari da un regista quando aveva 16 anni e che l’uomo si è fiondato sulla sua gamba sotto il tavolo. Mesi dopo, l’attrice ha detto che è stata aggredita di nuovo e che le è stato chiesto di andare a letto con un uomo e raccontarglielo. “Questo è proprio quello che è successo durante il mio sedicesimo anno, un adolescente nell’industria del divertimento”, ha scritto.

L’attrice ha chiamato l’apparire nel film di Allen il “più grande rammarico” della sua carriera. Allen è stato accusato di aver molestato sua figlia, Dylan Farrow.

Ho fatto un film Woody Allen ed è il più grande rammarico della mia carriera. Mi vergogno di averlo fatto. Dovevo ancora trovare la mia voce e non ero chi sono adesso e mi sono sentita sotto pressione perché “naturalmente devi dire sì a questo film di Woody Allen”. In definitiva, però, è la mia scelta di quali film ho deciso di fare e sono solo io ad aver fatto la scelta sbagliata. Ho fatto un terribile errore.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE