Death Note

Le polemiche continuano ad annuvolarsi intorno a Death Note, il nuovo film Netflix tratto da uno dei manga giapponesi più famosi in occidente. Polemiche che non nascono solo dall’occidentalizzazione della storia ma anche e soprattutto la preoccupazione dei fan che l’essenza della storia venga del tutto snaturata. Eppure, dalle parole di Adam Wingard, regista del film, traspare la sua passione personale per Death Note. 

Nella nuova featurette intervengono sia il regista sia il cast, composto da Nat Wolffche interpreta il protagonista, Margaret Qualley, Keith Stanfield , Paul Nakauchi, Shea Whigham, Michael Shamus Wiles e Matthew Kevin Anderson. Infine, ad interpretare lo shingami Ryuk ci sarà Willem Dafoe, che abbiamo avuto modo di vedere nel trailer. A parlare interviene anche il produttore del film targato  NetflixMasi Oka che parla delle luci e delle ombre presenti nella storia e di come queste siano state trasferite sul piccolo schermo.

L’adattamento, così osteggiato da dar vita ad una petizione per boicottarlo, sarà prodotto da Roy Lee (The RingThe Departed), Dan Lin (The Lego MovieSherlock Holmes), Jason Hoffs (Edge of Tomorrow) e Masi Oka (Heroes RebornHawaii-Five-0).

Di seguito riportiamo la trama ufficiale di Death Note:

La storia si incentra su Light Yagami, uno studente delle scuole superiori che trova un quaderno dai poteri soprannaturali chiamato Death Note, gettato sulla Terra dallo shinigami Ryuk. L’oggetto dona all’utilizzatore il potere di uccidere chiunque semplicemente scrivendo il suo nome sul quaderno mentre ci si figura mentalmente il volto. Light intende usare il Death Note per eliminare tutti i criminali e creare un mondo dove non ci sia il male, ma i suoi piani saranno contrastati dall’intervento di Elle, un famoso investigatore privato, chiamato a indagare sul caso delle misteriose morti dei criminali.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto