Death Note

Death Note di Adam Wingard, adattamento del celebre anime giapponese per il piccolo schermo, ha suscitato polemiche fin da subito. Come molti altri progetti degli ultimi anni infatti, al film sono state mosse accuse di whitewashingIn questo caso, le accuse derivano dalla scelta di Adam Wingard di ambientare gli episodi in America. Il film avrà come location Seattle invece di Tokyo.

Inoltre, nei panni del protagonista di Death Note di Adam Wingard c’è Nat Wolff, un attore di cui si possono dire molte cose ma non che sia giapponese. Questa serie di cambiamenti adottati dal regista della serie sono stati accolti con molte polemiche, soprattutto il casting. Ora però, il regista del progetto Netflix, ha deciso di difendersi a colpi di tweet.

Death Note di Adam Wingard: “Nessuno ha ancora visto il film (…) perciò, a questo punto, le critiche sono basate su delle supposizioni”

Il regista ha sottolineato il fatto che la sua sarà una versione nuova e “fresca” dell’originale anime giapponese. Ha precisato che non c’è stata in nessun modo la volontà di rimuovere gli elementi della cultura giapponese, semplicemente si tratta di una rielaborazione. A questo punto sono arrivati in soccorso del regista altri utenti che hanno dato manforte alle sue scelte.

La sorte toccata al Death Note di Adam Wingard è capitata a diverse altre serie tv e film. Il caso più celebre tra i più recenti è stato Iron Fistserie Netflix aspramente criticata per la rimozione degli elementi orientali originali.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto