Charlize Theron Mad Max spin-off

Il regista George Miller ha offerto ai fan diversi aggiornamenti sul futuro dei film di Mad Max che, a quanto pare sarebbero sia prequel che sequel della pellicola del 2015. Ha molte idee, ma quella principale ruota attorno al tostissimo personaggio di Charlize Theron: Furiosa.

Una delle ultime chiacchiere che si aggiravano sul web, parlavano della pre-produzione di un prequel che si concentrasse sul passato di Furiosa. Sicuramente sarebbe un film molto interessante, ma Charlize Theron sarebbe d’accordo? A quanto, certo che sì! In un’intervista con Variety, le è stato chiesto se le piacerebbe riprendere il ruolo, ed ecco cos’ha risposto:

“Mi piacerebbe molto. Ci sono tre copioni. Sono stati scritti come storie del passato di Max e di Furiosa. Alla fine, però, questa cosa vive e respira con George [Miller]. Credo che la Warner Bros. lo sappia. Stiamo tutti aspettando che lui ci mostri la strada”.

Miller ha dichiarato precedente di voler produrre almeno altri due film di Mad Max e uno di questi dovrebbe essere senza dubbio la storia delle origini di Furiosa. Anche Tom Hardy sembra essersi impegnato per altri due film: non sappiamo bene come Max rientrerebbe nel prequel dedicato a Furiosa, a meno che i film raccontino le loro due storie in parallelo.

Charlize Theron ha continuato parlando della preparazione per il ruolo, concentrandosi soprattutto sul doversi rasare la testa:

“Avevo appena finito un grosso tour di promozione. Ero appena tornata a casa e l’idea di andare in un deserto per 140 giorni e farmi fare trucco e parrucco ogni giorno… Ero davvero eccitata di immergermi nel personaggio, non volevo che niente mi tenesse indietro dal concentrarmici. Penso che sia venuto da lì, dall’esaurimento di dover sistemarmi i capelli. Come posso eliminare ogni distrazione e concentrarmi sul lavoro?”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto