Ca’ Foscari Short Film Festival 2022: Luca Bigazzi fra gli ospiti, ecco il programma completo

Il programma completo del Ca' Foscari Short Film Festival 2022 promette grande cinema e sorprese, con tanti ospiti illustri fra gli invitati.

In occasione dell’annuale conferenza stampa, è stato reso pubblico il programma completo del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022, che si terrà a Venezia dal 4 al 7 maggio. Punto di riferimento per l’universo del cortometraggio, ospitando lavori firmati da giovani talenti e studenti di scuole di cinema provenienti da tutto il mondo, la dodicesima edizione si allargherà a tutta la città grazie alla sua forma “diffusa”. Oltre alla sede principale situata presso l’Auditorium Santa Margherita, saranno molti i musei e i centri culturali in cui i visitatori potranno godere delle numerose attività. 

Tanti saranno gli ospiti che arriveranno a Venezia per l’occasione. Fra questi, Luca Bigazzi, direttore della fotografia vincitore di sette David di Donatello e altrettanti Nastri d’argento, noto per la sua fortunata collaborazione con Paolo Sorrentino, di cui ha curato, fra gli altri, Il Divo (2008) e La grande bellezza (2013). Bigazzi sarà protagonista di una masterclass aperta al pubblico, durante la quale ripercorrerà le tappe salienti della propria carriera. Si unirà al festival anche Yukiko Mishima, regista giapponese a cui sarà dedicato un programma speciale durante la pre-apertura del festival, il 3 maggio, in occasione della quale sarà proiettato Shape of Red (2020), suo ultimo lungometraggio, che getta luca sulla quotidianità femminile nel Giappone odierno. La città dedicherà all’autrice anche un’altra giornata ovvero il 18 maggio, quando la Casa del Cinema di Venezia proietterà il suo pluripremiato Dear Etranger (2017).

Leggi anche – Lorenzo Mattotti firma la locandina del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022

Il festival darà inoltre il bentornato a Tsukamoto Shin’ya (TetsuoTokyo Fist), regista cult giapponese che presenterà in collegamento dal Giappone Un serpente di giugno, suo romanzo tratto dall’omonimo film diretto nel 2002 (QUI la nostra intervista al regista). Altro gradito ritorno, quello del regista e animatore Barry Purves, che oltre a presentare il suo ultimo corto, No Ordinary Joe (2021), parlerà della sua passione per il teatro, testimoniata dalle oltre quaranta produzioni a cui ha lavorato. L’animazione sarà sotto i riflettori come non mai in questa edizione anche grazie alla partecipazione di Peter Lord, regista per la Aardman di titoli quali Galline in fuga (2000) e Pirati! Briganti da strapazzo (2012), che interverrà presso l’Auditorium. In collegamento da Mumbai parteciperà poi Ashish Pandey, protagonista del programma speciale curato da Cecilia Cossio, che vedrà il regista indiano presentare tre corti: The Cabin Man (2007), Khule darwaaze (Porte aperte, 2010) e Nooreh (2018).

ca' foscari short film festival, cinematographe.it
Luca Bigazzi e Yukiko Mishima, fra gli ospiti del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022

A gareggiare nel Concorso Internazionale saranno nuovamente 30 corti, selezionati fra i migliaia proposti da studenti di cinema e università. Fra questi, molti si riveleranno quanto mai attuali, abbracciando lo spirito di questi tempi inquieti e raccontando, più o meno direttamente, gli orrori della guerra. Tra i registi selezionati, l’italiana Miriam Cossu Sparagano Ferraye, che con il suo documentario Pupus, realizzato per il CSC Documentario di Palermo, racconterà la tradizione siciliana dei “pupi” portata avanti da generazioni dalla famiglia Mancuso. Presenti anche tre corti passati per importanti festival quali Cannes e Locarno ovvero i due brasiliani Neon Phantom di Leonardo Martinelli e August Sky di Jasmin Tenucci, seguiti dall’americano Safe di Ian Barling. Sarà una giuria composta da tre professionisti internazionali a decretare il vincitore. A comporla Coline Serreau, regista e scrittrice francese il cui film Tre uomini e una culla (1985) le permise di conquistare il César al miglior film; Francesco Montagner, vincitore alla Mostra di Venezia del premio per il miglior documentario, assegnato al suo Animata resistenza; Marina Mottin, programmatrice e curatrice di importanti festival in tutto il mondo, dalla Mostra del Cinema di Venezia al festival di Locarno.

Come sempre, l’offerta del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022 sarà arricchita dai concorsi collaterali ovvero il Premio “Olga Brunner Levi” e il Music Video Competition: il primo proporrà cinque corti realizzati da studenti liceali incentrati sulla figura femminile nella musica, giudicati da Roberto Calabretto, Marco Fedalto e Cosetta Saba; il secondo vedrà gareggiare otto video musicali firmati da studenti provenienti da altrettanti paesi, sottoposti al giudizio di Giovanni Bedeschi, Marco Fedalto, Daniele Furlati e Roberto Calabretto.

Leggi anche – Festival di Cannes 2022: tra i giudici anche il fenomeno del web Khaby Lame

Fra i tanti programmi di questa edizione, tornerà anche “East Asia Now“, attraverso il quale il curatore Stefano Locati ci accompagnerà nell’Asia Orientale, dalla Malesia sino alle Filippine. Elisabetta Di Sopra, all’interno del programma “Lo sguardo sospeso“, ripercorrerà la sua stessa carriera ponendo attenzione a lavori che mettono in risalto il corpo, mentre “Il corpo svelato” curato da Carlo Montanaro ci consentirà di immergerci in un viaggio “hot” dedicato ai primi nudi della settima arte.

Il Ca’ Foscari Short Film Festival 2022, che vede in Roberta Novielli il suo direttore artistico e organizzativo, è realizzato grazie alla collaborazione di realtà quali Fondazione di Venezia, Fondazione Ugo e Olga Levi, NH Venezia Rio Novo, il Museo Nazionale del Cinema di Torino, la piattaforma italiana WeShort, Carpenè-Malvolti e le Giornate della Luce di Spilimbergo.

Articoli correlati