Bryan Singer: la risposta alle accuse di violenza sessuale

L'avvocato di Bryan Singer ha commentato le accuse dicendo "Bryan nega categoricamente queste accuse e difenderà con veemenza questa causa fino alla fine".

Il regista dei film degli X-Men, Bryan Singer, ha rilasciato, attraverso i suoi rappresentanti, una dichiarazione riguardante la denuncia per violenza sessuale mossa contro di lui. Il querelante, Cesar Sanchez-Guzman, sostiene che nel 2003, quando aveva solo 17 anni, Singer lo violent su uno yacht e che successivamente Singer lo corruppe e lo intimidì perché rimanesse in silenzio.

Un rappresentante di Bryan Singer ha detto a TMZ: “La causa è stata archiviata dallo stesso avvocato che rappresentava Michael Egan. Queste richieste sono state archiviate da Egan stesso, e in seguito è finito in una prigione federale per aver mentito in un caso di frode”. Quell’avvocato è Jeff Herman, e il rappresentante nota che Herman fu in seguito citato in giudizio da altri imputati in relazione al caso di Egan. Herman si sistemò e riconobbe che le affermazioni di Egan erano dimostrabilmente false. Nel 2014, Egan aveva accusato Bryan Singer e molti altri a Hollywood di averlo violentato da bambino.

L’avvocato di Bryan Singer, Andrew Brettler, ha fornito ulteriori commenti, dicendo “Bryan nega categoricamente queste accuse e difenderà con veemenza questa causa fino alla fine. Quando Sanchez-Guzman ha presentato istanza di fallimento solo pochi anni fa, ha omesso di rivelare questo presunto reclamo quando avrebbe dovuto identificare tutti i suoi beni, ma convenientemente, ora che il tribunale fallimentare ha scaricato tutti i suoi debiti, è in grado di ricordare i presunti eventi.”

“L’avvocato dietro questa causa è lo stesso avvocato che ha rappresentato Michael Egan, il criminale condannato che ha citato Bryan Singer nel 2014. Alla fine, Egan è stato costretto a chiudere il caso una volta che i fatti sono usciti e la sua storia è completamente crollata”.

Articoli correlati