Bob Iger Cinematographe

La polemica tra Scorsese e Marvel si arricchisce di una nuova voce, quella del CEO Disney, Bob Iger, che in un’intervista risponde per le rime al regista di The Irishman

Bob Iger, CEO della Disney, si è intromesso nella polemica contro la Marvel inaugurata da Martin Scorsese. Il regista newyorkese ha, più volte, osteggiato i film prodotti dalla Disney, in recenti dichiarazione. Scorsese ha trovato poi l’appoggio di altri esponenti del cinema d’autore, come l’amico di vecchia data Francis Ford Coppola. I mostri sacri della New Hollywood hanno beffeggiato il Marvel Cinematic Universe, definendolo addirittura “non cinema.” Il secondo, in particolare, ha dichiarato che considera i film della Marvel spregevoli.

Martin Scorsese: “i giovani non devono credere che i film Marvel siano cinema”

Il CEO della Disney, durante la conferenza live Tech del Wall Street Journal, ha rotto il silenzio, dicendo finalmente la propria. Bob Iger ha affermato, riferendosi a Scorsese e Coppola, che “Se loro vogliono lamentarsi dei film, è certamente nel loro diritto.” Iger si è poi soffermato sull’uso della parola “spregevole”, eccessiva seconda la sua opinione. “Riservo la parola spregevole a qualcuno che ha commesso un massacro. Questi sono film.” Seppure abbia dichiarato di ammirare i due registi, Iger si è detto scontento della mancanza di rispetto dimostrata dai due cineasti. Secondo il CEO della Disney la polemica se i film Marvel siano cinema o meno, è sterile, considerando i registi che lavoro su quei set alla pari di tutti gli altri. Secondo Bob Iger, proprio i blockbuster, come quelli della Marvel, permettono al cinema di restare in vita, consentendo guadagni all’industria e finanziando poi i film d’autore.

Potrebbe interessarti anche Jon Favreau: “Scorsese e Coppola hanno il diritto di criticare i film Marvel”

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE