Blade Runner 2049: com’è stata riprodotta Rachael nel film?

Un'impresa straordinaria che ha richesto, oltre all'abilità tecnica, la presenza di Sean Young sul set.

Da leggere

La Pescatora: recensione del cortometraggio di Lucia Loré

La Pescatora è il nuovo cortometraggio diretto scritto ed interpretato da Lucia Loré (La Santa, Immaginare T), un progetto...

Cosa vedere su Amazon Prime Video a dicembre 2021? Tutti i film e le serie TV in catalogo

Il mese di dicembre 2021 Amazon Prime Video offre, primi fra tutti, dosu-serie e docu-reality, almeno per quarto riguarda...

Cuori 2 si farà? Pilar Fogliati rallegra i fan con un’inaspettata notizia!

La protagonista della nuova fiction Rai Cuori annuncia la stagione 2! La stagione 1 di Cuori, la nuova fiction targata...

Block title

Una delle grandi sorprese di Blade Runner 2049 è stata una sorprendente scena realizzata grazie alla CG in cui appare la replicante Rachael, interpretata da Sean Young nel film originale. La sequenza di due minuti mostra una emozionante riunione col Deckard di Harrison Ford, una scena che richiedeva virtuosità tecnica e prestazioni sottili. Questo passo importante nell’animazione digitale umana dovrebbe essere ricompensato con una candidatura all’Oscar nella categoria Effetti Speciali.

La controfigura dell’attrice originale, Loren Peta ha interpretato la giovane Rachael (negli abiti, nel trucco e nel viso punteggiato) e ha recitato sul set con Harrison Ford e Jared Leto (nel ruolo del produttore di replicanti Wallace). L’attrice è stata diretta da Denis Villeneuve, con Sean Young presente sul set come riferimento. L’obiettivo è stato quello di fondere le due attrici in modo da ottenere una replica perfetta dell’aspetto originale di Rachael.

“Denis ha veramente apprezzato la performance di Loren quando è stata montata la scena, ma parte del nostro piano è stato quello di realizzare una facial capture di Loren e Sean insieme”, ha detto il supervisore John Nelson (Il Gladiatore). “Così, durante un sabato segreto [a Budapest] abbiamo portato Sean e Loren utilizzando il sistema di cattura del viso DI4D PRO, recitando le loro battute”.

L’addetto agli effetti speciali MPC (Il Libro della Giungla) è stato incaricato di animare la 20enne Rachael. Dopo aver ottenuto la scansione reale della testa di Sean Young, questo riferimento è stato utilizzato per modellare un cranio 3D anatomicamente aderente. La scultura digitale forniva un’idea chiara delle proporzioni della sua testa, tra cui il ponte del naso, e la linea delle mascelle.

“Abbiamo catturato entrambe le attrici realizzando la scena in un ambiente in cui abbiamo potuto applicare una cattura del viso controllata ma, alla fine, poiché abbiamo voluto raccontare questa storia con sottili cambiamenti, abbiamo finito per animare l’intera scena”, ha affermato il supervisore agli effetti visivi MPC Richard Clegg.

Blade Runner 2049: riportare in vita Rachael

Blade Runner 2049 Rachael

Il cranio è stato poi allineato con immagini di produzione e scene dell’originale Blade Runner, come riferimento per creare una corrispondenza identica. I capelli, le sopracciglia, le ciglia e le texture colorate sono state lavorate con importanti punti sul viso e consistenze della pelle, giù fino ai capelli e ai bulbi oculari.

Poi è cominciato davvero il duro lavoro. “Circa quattro settimane prima della fine della produzione, hanno deciso di inserire i filmati di Rachael dall’originale Blade Runner, il che ha notevolemente alzato il livello della sfida, ha detto Nelson. “Quello che abbiamo realmente fatto è stato cogliere il meglio possibile ogni atteggiamento di Sean dal primo film. Per esempio, quando Sean fa un sorriso timoroso o piega un po’ la testa”.

Tuttavia, Villeneuve voleva un arco espressivo in tre fasi per il nuovo replicante quando incontra Deckard. In primo luogo, mostra fiducia e poi desiderio prima di sentirsi rifiutata quando si rende conto di non essere all’altezza.

Ma poiché la prestazione animata non si amalgamava perfettamente con la splendida fotografia di Roger Deakins, la squadra VFX ha eseguito un test per aiutare a riempire le lacune. “Avevamo bisogno di renderlo perfetto e l’unico modo per farlo era metterlo vicino all’oggetto reale”, ha detto Clegg. “Abbiamo preso tre scene dal film originale che mostrano movimenti minimi del viso, gli occhi lampeggiano, o le sopracciglia si muovono leggermente. Abbiamo rintracciato quei frammenti e abbiamo creato versioni digitali delle stesse espressioni”.

Nelson ha aggiunto: “In ogni scena abbiamo sostituito l’originale Rachael ed è stato difficile per Denis e per i produttori identificare il modello CG. Siamo tutti d’accordo che il modello si adatti, ma avevamo ancora bisogno di ottenere le emozioni giuste “.

Così hanno continuato a tornare alla performance originaria di Sean Young, imitandola finché la squadra di animazione non è riuscita ad ottenere quello che voleva, usando l’attrice come una sorta di burattino. “Il raggio gigante di luce sul soffitto che era costantemente in movimento era difficile da catturare, ha detto Clegg. “Ma penso che anche questo abbia aiutato, perché mentre la luce si muove e attraversa il suo viso, si coglie davvero il senso dell’emozione di quel momento”.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

La Pescatora: recensione del cortometraggio di Lucia Loré

La Pescatora è il nuovo cortometraggio diretto scritto ed interpretato da Lucia Loré (La Santa, Immaginare T), un progetto...

Articoli correlati