Barbara Shelley: morta di Covid a 88 anni l’attrice di Dracula e Doctor Who

Barbara Shelley è apparsa in diversi episodi di Doctor Who nel 1984. Ha interpretato Sorasta nel serial Planet of Fire, con Peter Davison nel ruolo del Quinto Dottore.

L’attrice horror britannica Barbara Shelley è morta dopo aver contratto il COVID-19

L’attrice, all’anagrafe Barbara Kowin, aveva 88 anni. Barbara Shelley era meglio conosciuta per essere apparsa nei film horror della Hammer Film Productions. Thomas Bowington, suo agente, ha detto alla Press Association: “Era davvero la protagonista numero uno e la regina in technicolor della Hammer. Sullo schermo poteva essere silenziosamente malvagia. Passava dalla bellezza statuaria alla natura selvaggia e animalesca.” Ha recitato al fianco di Christopher Lee in Dracula, principe delle tenebre del 1966. È apparsa anche nei film Rasputin: il monaco folle e L’astronave degli esseri perduti. In televisione, Barbara Shelley è apparsa in EastEnders, Blake’s 7 e The Avengers. Il suo ultimo ruolo è stato in The Dark Angel.

Barbara Shelley è anche apparsa in diversi episodi di Doctor Who nel 1984. Ha interpretato Sorasta nel serial Planet of Fire, con Peter Davison nel ruolo del Quinto Dottore. Nicola Bryant, che ha interpretato il compagno Peri Brown in quel serial, ha scritto su Twitter per commentare la morte di Shelley:

 Thomas Bowington ha detto che l’attrice molto probabilmente ha contratto il coronavirus durante un controllo ospedaliero di routine. Barbara Shelley ha trascorso due settimane in ospedale a combattere il virus prima di Natale. L’agente ha aggiunto: “È molto probabile che Covid apparirà sul certificato di morte“.

I ruoli horror di Barbara Shelley le sono valsi il soprannome di “Queen of Hammer”. In un’intervista del 2009 con Express, ha riflettuto sul tempo trascorso a lavorare con lo studio classico di culto.

Hammer era come una famiglia, una famiglia di grande talento … con un’atmosfera meravigliosa sul set e un meraviglioso senso dell’umorismo“, ha detto l’attrice. “Quando ho iniziato a girare Hammer, tutti i cosiddetti attori classici guardavano dall’alto in basso i film dell’orrore. Tutte le altre cose che ho fatto, nessuno le ricorda. Ma i film dell’orrore, sono molto grata a loro perché mi hanno costruito una fan base, e sono molto commossa dal fatto che la gente venga a chiedere il mio autografo. Se siete andati a vedere un film [Hammer] al cinema, i sussulti erano intervallati da risatine perché le persone ridevano di se stesse per essersi spaventate, si stavano spaventando e questo è ciò che ha reso Hammer molto speciale.

Leggi ancheDawn Wells: morta di Covid-19 a 82 anni l’attrice de L’isola di Gilligan

Articoli correlati