avengers: endgame, cinematographe.it

Assistendo allo scontro fra Captain America e Thanos in Avengers: Endgame, molti sono rimasti sorpresi dal vedere lo scudo dell’eroe andare in pezzi, ma sceneggiatore e regista hanno una risposta

In Avengers: Endagame, anche lo scudo di Captain America ha infine dovuto soccombere ai colpi inferti dalla spada di Thanos. Molti, però, hanno continuato a chiedersi come questo sia stato possibile, dal momento che l’arma simbolo del Cap è in vibranio, una sostanza senza eguali. In realtà, secondo lo sceneggiatore Stephen McFeely, la risposta al quesito è molto semplice.

McFeely, che appare tra i commentatori di Avengers: Endgame nel DVD/Blu-ray del cinecomic, ha spiegato che sì, “il vibranio è la sostanza più forte della Terra, ma qualsiasi esso sia, il materiale della lama di Thanos è più forte.” Questa affermazione potrebbe mettere in dubbio le convinzioni di molti, ma anche Joe Russo non è convinto che il vibranio sia “il metallo più potente” del MCU, come ha spiegato a Comicbook.com:

Chiaramente Thanos è un personaggio vecchio migliaia di anni, che ha lottato contro chiunque nell’universo ed è il più grande. È il Gengis Khan dell’universo, perciò è normale che abbia l’arma più incredibile. Conosce Eitri, è stato su Eitri per farsi creare il guanto. Si è fatto creare lì anche la lama? Possibile. Ma è interessante che sia riuscito a rompere lo scudo.

Leggi anche – I fratelli Russo festeggiano l’uscita in home video di Avengers: Endgame

Se dunque sulla Terra il vibranio non sembra avere uguali, allargando i confini all’intero universo Marvel, pare che ci siano materiali molto più potenti. Captain America ne ha fatto le spese in Avengers: Endgame, ma fortunatamente l’unione fa più di un semplice scudo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto