Avengers: Endgame – Stan Lee ringiovanito di 45 anni per il cameo

Le operazioni di ringiovanimento di alcuni personaggi delle pellicole Marvel sono diventate fondamentali nel tempo, anche se la Casa delle Idee le ha utilizzate fin dalle primissime pellicole dell'MCU. 

Da leggere

Wonder Woman: Gal Gadot stava per rifiutare la parte. Il motivo? Il salario troppo basso

Gal Gadot era pronta ad abbandonare il film Wonder Woman 1984 per via del suo stipendio, ancora troppo basso Gal...

Batwoman: Warner Bros. risponde alle accuse di Ruby Rose

Ruby Rose ha attaccato la Warner Bros. Television per il cattivo ambiente lavorativo sul set di Batwoman La Warner Bros....

Matrix 4 classificato Rated R per “violenza e linguaggio volgare”

Matrix 4 ci riporterà Keanu Reeves nei panni di Neo e Carrie-Anne Moss nei panni di Trinity, in una...

Block title

Per Avengers: Endgame la Marvel ha ringiovanito Stan Lee di ben 45 anni. Il risultato è stato ottenuto grazie al lavoro della Lola Visual Effect

L’apparizione di Stan Lee in Avengers: Endgame avviene in un momento particolare della pellicola. Si tratta infatti della scena in cui Tony Stark torna indietro nel tempo assieme a Captain America nel 1970. Durante quella scena vediamo uno Stan Lee visibilmente più giovane che sfreccia all’interno di un auto d’epoca.

Per realizzare quel tipo di effetto visivo e di ringiovanimento è stata utilizzato il supporto della Lola Visual Effect. Trent Claus è uno dei componenti della Lola vfx, ed è stato quest’ultimo a raccontare quanto si sia lavorato sul ringiovanimento della leggenda Marvel per Avengers: Endgame, e non solo.

C’è stato molto meno lavoro da fare in Captain Marvel. Perché lì si parlava di un ringiovanimento di circa dieci anni, cosa che non risulta particolarmente visibile per un uomo di quell’età. Mentre per Endgame siamo dovuti tornare indietro di 45 anni, perciò parliamo di una quantità di tempo considerevole.

Riguardo al tipo di lavoro che svolge la Lola Visual Effect Trent Claus ha parlato di un’operazione che viene scandita frame dopo frame, e che tratta le varie inquadrature come fossero disegni, lavorando su ombre e luci.

Insomma si tratta di operazioni che sono diventate fondamentali nel tempo, ma che la Marvel ha utilizzato fin dalle primissime pellicole dell’MCU.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Wonder Woman: Gal Gadot stava per rifiutare la parte. Il motivo? Il salario troppo basso

Gal Gadot era pronta ad abbandonare il film Wonder Woman 1984 per via del suo stipendio, ancora troppo basso Gal...

Articoli correlati