alien, Trieste Science Fiction, cinematographe.it

Nonostante l’accordo Disney/Fox, sembra che il franchise sullo xenomorfo possa continuare dopo Alien: Covenant, con Ridley Scott schierato in prima linea nello sviluppo della saga

Dopo l’uscita di Alien: Covenant, il cui esito al botteghino non ha toccato le più rosee aspettative, il destino del franchise è rimasto a lungo fumoso e lo storico accordo fra Disney e Fox sembrava porre un ulteriore chiodo sul feretro della saga fantascientifica. Recentemente, Ridley Scott ha tuttavia ammesso di aver discusso con la Disney del futuro dello xenomorfo al cinema e pare che l’obiettivo comunque sia puntare a un’evoluzione.

La notizia ha ovviamente fatto la gioia dei fan, delusi dalla prospettiva che Alien: Covenant potesse essere il capitolo finale della nuova avventura che Ridley Scott aveva inaugurato con Prometheus. E a mandare ancor più in fibrillazione gli estimatori del regista potrebbe essere un articolo pubblicato da Variety, che in occasione del 40° anniversario del franchise, ha fatto il punto sulla situazione e ha fatto riferimento a un sequel di Prometheus e Alien: Covenant attualmente in cantiere, in fase di scrittura, alla cui regia troveremo proprio Scott.

Leggi anche: Nuove fantastiche foto inedite da Alien: Covenant

Ovviamente non sappiamo se tale affermazione si tramuterà in realtà, ma l’obiettivo dichiarato di Ridley Scott, sin dall’uscita del primo prequel ambientato nell’universo degli xenomorfi, è sempre stato quello di creare un arco narrativo che, capitolo dopo capitolo, andasse a ricongiungere la linea temporale dell’episodio cinematografico che proprio quest’anno spegne quaranta candeline. Sarà davvero questo il destino che la Disney ha in serbo per la saga? O Scott si vedrà costretto a mettere da parte i suoi propositi iniziali?

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE