josh gad la bella e la bestia gay

I Walt Disney Studios hanno rifiutato di tagliare una breve scena a sfondo gay dal loro nuovo live-action La Bella e la Bestia (recensione), come richiesto dai censori del governo in Malesia, il che significa che il film non debutterà giovedì nei cinema del Paese, come precedentemente programmato.

Il Consiglio della Malesia per la Censura dei Film ha recentemente stabilito che una scena che coinvolge due personaggi maschili mentre danzano in una sala da ballo deve essere tagliata dal film, per il fatto che essa promuove l’omosessualità. La sequenza ha una durata di circa tre secondi.

“Il film non è stato e non sarà tagliato per la Malesia”

ha detto la Disney in una dichiarazione martedì scorso.

Il regista del film, Bill Condon, ha chiamato la scena in questione – che coinvolge il personaggio di nome LeTont, scagnozzo del cattivo Gaston – definendola ” un momento esclusivamente gay.

Il film con Emma Watson e Dan Stevens, è un remake in live -action dell’omonimo cartone animato Disney del1991, campione d’incassi. Abdul Halim Abdul Hamid, presidente del consiglio di censura, ha sostenuto che la Malesia non aveva intenzione di non proiettare il film.

“È nelle nostre linee guida la norma che non permette attività L.G.B.T. nei film proiettati in Malesia”, ha detto in un’intervista. “Sono loro quelli che non stanno permettendo al film di essere mostrato nel nostro Paese. Noi lo avremmo approvato, con un piccolo taglio. “

Ha detto che il film sarebbe stato mostrato con un PG-13, se la Disney avesse deciso di tagliare la scena.

La Malesia è un paese a maggioranza musulmana, in cui la sodomia è una pratica illegale, anche se tale legge viene applicata raramente. La capitale, Kuala Lumpur, ha una fiorente comunità gay. Abdul Halim ha detto che è una pratica comune ordinare dei tagli nei film prima che vengano mostrati in Malesia.

“Se vogliono che il film venga proiettato qui, devono rispettare le nostre regole”, ha detto.

Egli ha anche affermato che la Disney potrebbe fare appello alla sentenza presso il consiglio del comitato di appello dei film, ma che nessuna richiesta è stata depositata.

“La Malesia è impaziente di vedere La Bella e la Bestia“, ha detto. “I genitori sono in attesa di portare i bambini. Anche io stesso nno vedo l’ora di portare i miei nipoti. “

Con circa 30 milioni di persone, la Malesia rappresenta una piccola parte del pubblico generale Disney. Il libro della giungla l’anno scorso ha incassato $ 967 dollari per le vendite dei biglietti a livello mondiale, e la Malesia ha rappresentato sol 5.7 milioni del totale. Nel 2015, Cenerentola ha raggiunto circa 540 milioni a livello globale, con un contributo della Malesia che si è aggirato intorno ai 4,5 milioni.

La Russia ha accettato la settimana scorsa di lasciare che La Bella e la Bestia fosse proiettato lì, ma escludendo la partecipazione dei bambini sotto i 16 anni. Un deputato russo era insorto per vietarlo del tutto, dicendo che era “palese, la propaganda sfacciata del peccato”.