Queen - Cinematographe.it

I Queen si esibiranno alla cerimonia degli Academy Awards di domenica 24 febbraio, come la Motion Picture Academy ha annunciato oggi sui social media

La mossa, che non è completamente una sorpresa, arriva sulla scia del successo di Bohemian Rhapsody, il film biografico sui Queen e il suo defunto cantante, Freddie Mercury. La band ora si esibisce sotto il nome di Queen + Adam Lambert, con due dei quattro membri originali, il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor, affiancato dall’ex star di American Idol Adam Lambert, che ha conquistato il plauso della critica nel suo ruolo di frontman del gruppo, negli ultimi anni.

Il bassista John Deacon non si esibisce con i Queen da molti anni. Come riportato in precedenza, i produttori del telecast erano noti per aver contattato i rappresentanti del film e della band all’inizio del processo di pianificazione per cercare di procurarsi i Queen per lo slot di apertura dello show. Diverse settimane fa, fonti informate hanno indicato che non sarebbe successo, ma chiaramente le cose si sono invertite nel frattempo.

Questo segna un raro esempio in cui una performance musicale agli Oscar potrebbe essere considerata uno dei più grandi momenti dello spettacolo, dato il successo del film campione d’incassi (212 milioni di dollari negli Stati Uniti fino ad oggi e un incasso mondiale di 854 milioni) e il fatto che gli stessi Queen siano incessantemente popolari (la canzone che ha dato a Bohemian Rhapsody il titolo è stata nominata a dicembre come la canzone più trasmessa in assoluto che abbia avuto origine nel 20° secolo).

L’aggiunta dei Queen + Lambert ha l’effetto di inserire più musica in uno spettacolo che ha cercato di liberarsi di troppe cose. Recentemente l’Academy ha ceduto e accolto una protesta popolare per permettere le esibizioni di tutti e cinque i migliori candidati alla trasmissione televisiva, dopo che era saltato fuori che avevano programmato di includere solo i numeri di Lady Gaga e Kendrick Lamar. Si dice che alcune delle canzoni nominate meno conosciute saranno abbreviate nella gamma dei 90 secondi – un destino che sicuramente non si abbatterà su Gaga, Lamar o, ovviamente, sul loro spot, i Queen.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto