Ecco il trailer di PARADOX, film di debutto di Daryl Hannah con Neil Young protagonista

L’attrice Daryl Hannah ha scritto e diretto il suo primo lungometraggio, intitolato PARADOX, con protagonista l’unico e inimitabile Neil Young, Willie Nelson e i suoi due figli, Micah e Lukas Nelson. Netflix – che sarà il distributore del film – ha pubblicato il primo trailer e il poster. PARADOX debutterà sul servizio streaming il 23 marzo in tutti i Paesi in cui è attivo (Italia compresa). Potete vedere il trailer qui sopra o, in alternativa, qui di seguito.

PARADOX è stato scritto e diretto da Hannah e prodotto da Bernard Shakey e Elliott Rabinowitz. Oltre a Young e ai Nelson, il film vede protagonisti Corey McCormick, Anthony LoGerfo, Tato Melgar, Charris Ford e Dulcie Clarkson Ford. La sinossi ufficiale non chiarisce molto il contenuto del trailer, ma legge:

Una fantasia, un poema rumoroso e una favola di musica e amore libero, PARADOX è un’espressione personale unica nel suo genere. Ad un certo punto, nel passato futuro, “Man in the Black Hat” (Neil Young), “Particle Kid” (Micah Nelson), “Jail Time” (Lukas Nelson) e una banda di cowboy e fuorilegge si nascondono in alto nelle Montagne. Passano le ore alla ricerca del tesoro mentre aspettano che la luna piena presti la sua magia, porti la musica e faccia volare gli spiriti. Vibrando con la musica originale di Young + Promise of the Real, PARADOX promuove l’eredità di un attore iconico che ha sempre infranto le regole.

PARADOX Netflix Cinematographe

Se avete visto uno qualunque dei film diretti da Neil Young sotto lo pseudonimo di Bernard Shakey, allora la premessa del film di Hannah non vi coglierà di sorpresa e non vi sembrerà troppo strana. I fan di Young e Nelson saranno probabilmente interessati nel vedere come Hannah è riuscito a integrare la loro musica nella storia.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie

Qualcosa è andato storto

E tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento