Stranger Things cinematographe.it

E se un piccolo dettaglio smontasse la magia creata da Stranger Thins 3? Eppure c’è un errore di continuità…

[Spoiler Alert] Una delle cose più belle di Stranger Things 3 sono i dettagli. Ambientato negli anni ’80, lo show Netflix è incredibilmente fedele all’aspetto dell’epoca, dagli abiti, agli arredi, persino ai negozi del centro commerciale Starcourt che incontriamo nella terza stagione. Tuttavia, c’è un dettaglio che sembra venire meno, come notato dal National Institute of Standards and Technology.

In Stranger Things 3 il capo della polizia Hawkins Jim Hopper (David Harbor) insieme a Joyce Byers (Winona Ryder) si infiltrano in una base segreta russa situata sotto il centro commerciale Starcourt, praticamente per salvare il mondo. Lì devono chiudere un cancello che porta al sottosopra, un varco aperto dai russi. Tuttavia, per fare ciò, devono aprire una cassaforte contenente le due chiavi necessarie per la chiusura della porta. Per arrivare a quelle chiavi hanno bisogno di un codice molto specifico – la costante di Planck. Senza entrare troppo nella complessa scienza delle cose, la costante di Planck – così chiamata per il fisico Max Planck – è un valore importante, il quanto attua un’azione elettromagnetica che mette in relazione l’energia trasportata da un fotone alla sua frequenza. Davvero qualcosa di difficile da comprendere, ma quello che interessa a noi è che la versione della costante di Planck su Stranger Things è tecnicamente corretta – nel 2014, non nel 1985.

Molti di noi hanno terminato la terza stagione e siamo lieti che abbia utilizzato la costante di Planck come elemento di trama di Stranger Things 3“, ha detto a Yahoo Lifestyle Ben Stein, caporedattore dell’ufficio per gli affari pubblici del NIST. “Abbiamo ascoltato il valore utilizzato nella serietv e ci siamo resi conto che era il valore raccomandato nel 2014, non quello che sarebbe stato disponibile nel 1985“.

Mentre la scienza e la tecnologia avanzano, aumenta anche la capacità di misurare meglio le cose, come nel caso della costante di Planck. Mentre il valore “vero” della costante non è mai cambiato, l’abilità dell’uomo di misurarla con una precisione migliore e migliore. Ciò significa che il 6,62607004 dato nella serie è una misura “migliore” di quella che sarebbe stata disponibile nel 1985. Quel valore? 6,626,176 mila. E la misurazione del 2014 non è nemmeno la più aggiornata. È stato aggiornato di nuovo nel 2018 a 6.62607015.

L’uso di un valore più “moderno” per la costante di Planck non è l’unico piccolo errore di continuità che i fan con gli occhi d’aquila riescono a individuare in Stranger Things 3. All’inizio di questa settimana, l’account di monitoraggio del botteghino su Twitter Exhibitor Relations ha notato un errore in una scena in cui Mike (Finn Wolfhard) e Undici (Millie Bobby Brown) si godono degli M&Ms solo perché ci sono pezzi di caramelle rosse nel mix. Peccato che gli M & M’s rossi non erano disponibili nel 1985 poiché il colore era stato eliminato perchè nocivo a metà degli anni ’70. Le caramelle arancioni hanno sostituito il rosso, che non è tornato nel pacchetto fino al 1987 – due anni dopo la terza stagione di Stranger Things 3.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto