The Irishman - cinematographe.it

3 ore per un film da vedere su Netflix sono abbastanza. Quali sono i momenti migliori per stoppare The Irishman?

The Irishman è il nuovo film di Martin Scorsese prodotto da Netflix e disponibile sulla piattaforma streaming. Con un cast stellare capitanato da Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, la pellicola è una vera e propria Odissea nel mondo del crimine, che racconta la storia di Frank “L’irlandese” Sheeran, un camionista che diventa un importante sicario della mafia e un membro di spicco del Teamsters, lo storico sindacato americano di Jimmy Hoffa.
The Irishman copre la vita di Sheeran nel corso di diversi decenni e per questo si avvale dell’uso della tecnologia per ringiovanire De Niro e co.

Editoriale | The Irishman: il paradosso di Martin Scorsese su Netflix

Stanziando un budget stimato di 160 milioni di dollari, Netflix ha investito molto nella visione di Scorsese e il risultato finale è un’imponente saga di 209 minuti che parla dello scorrere del tempo e della memoria.

the irishman cinematographe.it

Anche se sedersi e godersi il film senza interruzioni sarebbe, ovviamente, l’ideale, ci sono buone probabilità che gli spettatori debbano fare una pausa durante la visione della pellicola, vuoi perché i tempi che si riescono a ritagliare per una visione streaming non sono così lunghi o vuoi perché il film può stancare a lungo andare. Ora, dal momento che The Irishman è su Netflix si può semplicemente mettere in pausa senza perdersi un minuto, quindi l’unico rischio che rimane è quello di spezzare il flusso della pellicola, perdendo così il ritmo della narrazione.

Può essere utile dunque avere una guida con dei consigli sui punti ideali dove poter prendersi una pausa. In questo senso, uno dei momenti migliori arriva, abbastanza opportunamente, verso metà strada, a circa 1 ora e 48 minuti dall’inizio del film.

Qual è l’ultima scena da vedere prima di mettere in pausa il film? Seguono spoiler  in questo paragrafo!

La pausa sarebbe possibile quindi dopo la scena che vede i protagonisti in un locale durante uno spettacolo comico, con Frank, Russell Bufalino (Pesci) e Crazy Joe (Sebastian Maniscalco), Frank realizza un colpo, di cui subito dopo sua figlia Peggy (Anna Paquin) osserva un servizio al telegiornale. È una sequenza drammatica e tesa da vedere per intero visto l’importante accumulo di tensione. Tuttavia, il ritorno al viaggio in macchina di Frank e Russell (poco prima del rilascio di Hoffa) concede una buona occasione per un’interruzione, dato il completo rallentamento del ritmo narrativo.

Giusto in tempo per ricaricare le pile in vista della scena tra Frank, Jimmy e Tony Pro (Stephen Graham), un’altra sequenza brillantemente tesa da gustarsi tutta d’un fiato. A questa si alternano un immediato altro momento di sollievo ad una nuova scena intensa con protagonisti Frank e Russel, siamo intorno alle 2 ore.

Qui arriva un altro momento ottimo per tirare il fiato prima del rush finale.

Infine, dopo il ritorno di Jimmy e la festa in onore di Frank, c’è il passaggio da Frank che guarda Jimmy e Peggy a un Frank più anziano che si dirige al matrimonio di Bufalino. Questa è l’ultima sequenza che consente di mettere in pausa The Irishman, poco prima che si avvii per il suo slancio finale, che non deve venire assolutamente interrotto per non essere rovinato.

RFF14 – The Irishman: recensione del film di Martin Scorsese

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto