Jurassic World: Il Regno Distrutto, il finale “trova una strada” a Jurassic World 3

Jurassic World: Il Regno Distrutto, attraverso il suo finale, riesce a farci percepire che mondo vedremo in Jurassic World 3. La vita troverà una strada?

Il finale di Jurassic World: Il Regno Distrutto è un chiaro avvertimento che vedremo molto presto il terzo film di Jurassic World, che promette una Terra nuovamente conquistata dai dinosauri. Il film diretto da J.A. Bayona getta letteralmente le basi per un solido Jurassic World 3 con diverse specie di dinosauri a spasso per il globo.

Per Colin Trevorrow – regista di Jurassic World e confermato alla guida del terzo capitolo – una parte cruciale della progettazione di un franchising è che hai una chiara idea di dove questo debba sfociare. Come ha notato in un’intervista, “Ricordo di aver detto a Steven [Spielberg] anche mentre stavamo realizzando il primo film, “Questo è solo l’inizio. Ecco il mezzo. Ed ecco la fine della fine”. È qui che vogliamo andare.” Laddove altri film di Jurassic Park avevano dato la netta sensazione che la storia fosse finita, questa  nuova trilogia era progettata per essere continuata e per creare un nuovo status quo che sarà esplorato nel film finale della serie.

[ALLERTA SPOILER]

Jurassic World 3 sarà la fine della nuova trilogia della saga

Questo è sia la grande forza di Jurassic World: Il Regno Distrutto ma anche la sua più grande debolezza; il film sa benissimo dove voleva iniziare e come doveva terminare, ma non è sempre chiaro dove esso voglia arrivare. Per fortuna, anche se può essere uno strano modo di annunciare il terzo capitolo, il secondo capitolo di Jurassic World è privo di azioni o eventi preparatori al terzo film che vedremo nelle sale a giugno del 2021. Quindi, qual è il nuovo status quo creato alla fine di Jurassic World: Il Regno Distrutto e quali gli eventuali messaggi criptici per il terzo film?

La grande fuga dei dinosauri in Jurassic World: Il Regno Distrutto, la fine del mondo?

jurassic world: il regno distrutto cinematographe.it

Sebbene i trailer del film si sono sempre concentrati sull’eruzione vulcanica di Isla Nublar, la “missione di salvataggio” che riuniva Owen e Clare era in realtà un trucco. Gli agenti di Eli Mills volevano recuperare i rappresentanti di undici diverse specie di dinosauri, che andavano dal Pachycephalosaurus al Tyrannosaurus Rex e hanno fatto in modo di trasportare i dinosauri sopravvissuti in celle nella Tenuta Lockwood, dove venivano offerti in vendita al miglior offerente. Come molti si aspettano, un’asta di dinosauri non è un posto sicuro dove stare e tutto diventa un vero incubo quando l’Indoraptor si libera. Ma la vera tragedia è alla fine del film quando Claire e Owen si rendono conto che il danno ai sistemi della proprietà sta causando un’inondazione di gas tossici. Gli ultimi dinosauri sopravvissuti verranno uccisi.

C’è solo una scelta; se Claire e Owen devono salvare i dinosauri, allora dovranno liberarli nella natura. Ciò significa che tutti i dinosauri rimanenti saranno introdotti nell’ecosistema nordamericano. Per quanto Claire e Owen amino le creature, sanno che è qualcosa che semplicemente non possono fare, perché cambierebbe il mondo per sempre. Scelgono di guardare la scena con il cuore ricolmo di tristezza. Ma la “nipote” del dottor Lockwood, Maisie – in realtà un clone di sua figlia – non può fare lo stesso. Riconoscendo la loro origine artificiale e condivisa, preme il pulsante per aprire le cellule, liberando i dinosauri. C’è poi un breve montaggio che mostra i dinosauri che vagano per gli Stati Uniti, tra cui i pericolosi Mosasaurus e il Tyrannosaurus Rex che entra in un recinto di leoni in uno zoo e fa una vera propria gara di ruggiti con il re della giungla.

Questo è chiaramente inteso come una sorta di dinogeddon o un’alba dei pianeta dei dinosauri, con le creature che reclamano il mondo che era stato loro un tempo. In realtà, non ce n’è abbastanza, dato che solo undici specie diverse fuggono in natura, e ognuno dei dinosauri ha effettivamente un chip incorporato al suo interno. Probabilmente il dinosauro più difficile da catturare per le autorità sarebbe in realtà non correlato alle azioni di Maisie; il Mosasaurus è fuggito dall’isola verso il mare nella sequenza di apertura del film, e il montaggio di chiusura lo mostra pronto a fare uno spuntino con alcuni surfisti. Quella creatura è gigantesca e potente, e sarà in grado di sfuggire ai suoi cacciatori tuffandosi nelle profondità oceaniche.

La scena post credit di Jurassic World: Il Regno Distrutto

Jurassic World: Il Regno Distrutto Cinematographe

La scena post-credit di Jurassic World: Il Regno Distrutto potrebbe davvero funzionare come parte di quel montaggio finale che collega il secondo e il terzo film; mostra semplicemente un altro assaggio dei dinosauri nel mondo reale, con gli Pterodattili che sorvolano Las Vegas. Gli pterodattili sono sempre stati una parte fondamentale delle immagini del franchising di Jurassic Park; rappresentano il dominio dei dinosauri e la natura incontrollabile della loro stessa esistenza – quando gli pterodattili volano liberi, nulla può fermarli o tenerli sotto controllo. L’unico modo di trattare con gli pterodattili è di scappare da loro.

Aggiunto al montaggio di chiusura, questo è chiaramente inteso a implicare che il terzo film introdurrà davvero un “mondo dinocentrico”. Tutti i film precedenti del franchise hanno visto la maggior parte dei dinosauri esistenti in un ambiente chiuso, con solo l’occasionale dinosauro solitario che si sta facendo strada verso la civiltà (un omaggio intelligente al romanzo di Sir Arthur Conan Doyle The Lost World, che ha ispirato il titolo di Il Mondo Perduto – Jurassic Park). Ma ora il franchise ha cambiato forma, con i dinosauri liberi e ora sembra che il terzo film affronterà il tiro alla fune per il dominio tra i dinosauri e l’uomo.

Jurassic World 3 potrebbe vedere ancora più dinosauri pronti all’attacco

jurassic world: il regno distrutto cinematographe.it

Nelle sue interviste, Colin Trevorrow ha insistito sul fatto che Jurassic World 3 non presenterà altri dinosauri ibridi, ma ciò non significa che l’umanità non stia sperimentando con i dinosauri. Come spiega Ian Malcolm al Comitato del Senato degli Stati Uniti, “il potere genetico è stato scatenato”. Il montaggio di chiusura non mostra solo i dinosauri; mostra i campioni genetici di Isla Nublar che circolano, insieme alle uova di dinosauro che erano state recuperate prima dell’eruzione vulcanica. Per gentile concessione di Eli Mills, questi campioni si stanno facendo strada attraverso il mercato nero. Sono stati venduti alle corporazioni farmaceutiche, agli stati canaglia e semplicemente non è possibile chiudere di nuovo questo particolarissimo vaso di Pandora.

Leggi la nostra recensione di Jurassic World: Il Regno Distrutto

Non è del tutto chiaro come questa trama sarà sviluppata nel terzo film. In alcuni casi, la sperimentazione sui campioni comporterà sicuramente solo il tentativo di isolare specifici geni al fine di condurre l’editing genetico sulle persone e curare le malattie; quello scopo sarebbe relativamente benigno, anche se la natura illecita di questo sarebbe davvero il rimpinguare le tasche di uomini d’affari immorali. Più problematica, tuttavia, sarebbero le compagnie e persino le nazioni che hanno tentato di armare i dinosauri; che hanno cercato di crescere e allenarsi da soli, seguendo lo schema di Owen Grady (ma senza la comprensione).

Più volte il franchise di Jurassic Park ha sottolineato che i dinosauri non possono essere domati e controllati in questo modo; anche blu preferisce tracciare il proprio percorso, piuttosto che diventare semplicemente l’animale domestico di Owen. Quindi questi esperimenti porterebbero indubbiamente a ulteriori disastri in tutto il mondo, introducendo altre specie in natura. E, a differenza dei fuggiaschi della Tenuta Lockwood, questi dinosauri non avrebbero necessariamente degli inseguitori…

Chi saranno i personaggi principali di Jurassic World 3?

Jurassic World: Fallen Kingdom Chris pratt

Nei precedenti film di Jurassic Park, la morte arrivò quasi a caso; anche se le star di un film sarebbero sempre sopravvissute, il cast secondario era usa e getta, e sia gli eroi che i cattivi potrebbero finire per trasformarsi in uno spuntino su spuntino. Al contrario, Jurassic World: Il Regno Distrutto fa grandi sforzi per creare una piccola squadra – quasi una “famiglia” – che viene attentamente mantenuta in vita per il terzo film.

Naturalmente, Owen e Claire sono al centro di tutto questo. A modo loro, ognuno si sente responsabile di quello che è successo – come spiega Eli, sono i genitori della nuova era. Claire è stata una delle fautrici del progetto Jurassic World, firmando anche la sperimentazione genetica che ha creato sia l’Indominus Rex che l’Indoraptor. Owen, da parte sua, è colui che ha mostrato al mondo che alcuni dinosauri potrebbero essere addestrati. Ognuno ha mostrato la strada per armare i dinosauri, anche se in modi leggermente diversi. Il momento in cui scelgono di non rilasciare l’ultimo dei dinosauri è importante per Claire e Owen, mostrando il riconoscimento che avevano verso Dio e che il mondo intero avrebbe pagato un caro prezzo se i dinosauri avessero lasciato la Tenuta Lockwood.

Non è esattamente una sorpresa che Jurassic World 2 riaccenda la storia d’amore tra Claire e Owen, dando loro persino una sorta di “figlia adottiva” davanti alla vera genitrice della nuova era del mondo, Maisie Lockwood. Capace di entrare in empatia con i dinosauri a livello istintivo, visto che lei è anche un clone, Maisie è quella che alla fine ha scelto di rilasciare l’ultimo dei dinosauri. C’è un senso per cui Owen e Claire dovranno proteggere Maisie dalle conseguenze delle sue azioni, poiché senza dubbio il mondo vorrà considerarla responsabile.

Zia e Franklin completano la squadra, ognuno dei quali si è distinto nel corso del film. Zia è la veterinaria, un’esperta di biologia dei dinosauri che si dimostra essenziale per mantenere vivo Blue. Franklin è l’esperto di computer, uno scienziato con un’enorme abilità tecnica. Dato che Jurassic World 3 del 2021 vedrà la squadra occuparsi sia dei dinosauri in fuga che delle società canaglia e persino degli stati nazionali, questi due membro con particolari attitudini potrebbero rivelarsi assolutamente essenziali.

Jurassic World 3 riuscirà nell’intento di Ian Malcom? La vita troverà una strada?

Jeff Goldblum jurassic world 3, cinematographe

Mentre quegli aspetti che vi abbiamo elencato sopra sono la configurazione ovvia alla fine di Jurassic World: Il Regno Distrutto, c’è un altro tema sottile che può essere continuato nel terzo e ultimo film della nuova trilogia. Lo slogan della serie Jurassic Park è sempre stato, “La vita troverà il modo”. Ma in Fallen Kingdom, questo tema è sottilmente invertito; sembra che la vita stia effettivamente cercando di cancellare di nuovo i dinosauri. Questo si adatta alla lezione di Ian Malcolm al Comitato del Senato. I dinosauri sono innaturali, spiega, e dovrebbero essere nuovamente estinti.

Visto attraverso quest’ottica, la narrativa del film diventa piuttosto interessante; due volte i dinosauri sono sull’orlo dell’estinzione, una volta da un’eruzione vulcanica, e la seconda volta da gas tossici. Queste creature, ci dice Jurassic World 2, non sono pensate per essere qui. Eppure, in entrambi i casi, è l’intervento umano che salva effettivamente i dinosauri; l’umanità ha sfidato la natura e ora continua a farlo. Considerando che la paura di Malcolm di immischiarsi geneticamente e la sfida della morte – incarnata da Maisie, una replica perfetta di sua “madre” – sembrano essere il finale giusto per il franchise.

In che modo quel tema toccherà Jurassic World 3? È probabile che il terzo film vedrà una sorta di tiro alla fune per il dominio tra l’umanità e i dinosauri. Gli umani hanno tenuto in vita le creature per troppo tempo e ora i dinosauri sono di nuovo sciolti. Sarà affascinante vedere quale ruolo giocheranno Claire e Owen in questo mondo; potrebbero facilmente continuare ad agire come protettori dei dinosauri, o in alternativa, potrebbero essere cruciali nel tentativo di rimettere il genio genetico nella lampada. La domanda è se sia o non sia troppo tardi per farlo: se, impedendo alla natura trovare la sua strada, l’umanità ha ora apportato un cambiamento irrevocabile allo stato del pianeta e creato permanentemente un “mondo dei dinosauri” un po’ come successo con Il Pianeta delle Scimmie.

Articoli correlati