Crudelia: intervista al cast del film Disney con Emma Stone

Durante la conferenza stampa internazionale, il cast di Crudelia ha svelato i retroscena del film, al cinema dal 26 maggio.

Sabato 15 maggio 2021, Cinematographe.it ha avuto il piacere di seguire la conferenza stampa internazionale del nuovo live-action Disney Crudelia (Cruella) in arrivo nelle sale cinematografiche il 26 maggio e su Disney Plus – con accesso VIP – il 28 maggio.

In occasione dell’incontro, suddiviso in due sessioni e moderato da Grae Drake, abbiamo potuto scoprire i retroscena di quello che si prepara ad essere uno dei più grandi successi dell’anno, coronato da un cast che ha curato i minimi dettagli della messa in scena.

Crudelia: il regista Craig Gillespie, la production designer Fiona Crombie, la hair and makeup designer Nadia Stacey e la costume designer Jenny Beavan, raccontano la creazione del film

crudelia, cinematographe.it

Craig, qual è stato il tuo obiettivo principale girando questo film su un personaggio centrale, rinomato nella storia per essere uno dei cattivi più malvagi di tutti i tempi?

Craig Gillespie: “[ride] Ehm, beh, voglio dire, i cattivi sono sempre così divertenti da interpretare, perché tu hai, sai, più licenza per fare cose che non sono del tutto appropriate o spingere i confini e creare questi personaggi straordinari.

Ed era davvero importante per me che questo [film, n.d.r.] non fosse in bianco e nero. Ovviamente nessun gioco di parole con Crudelia. Ma volevo che ci fosse questa zona grigia ed essere in grado di entrare in empatia con le scelte che stava facendo. E le situazioni a cui stava rispondendo. E volevo farlo in un modo che fosse davvero divertente.”

Una domanda per Jenny: c’è un palese cambiamento in Estella che è sempre stata alla moda, ma fa davvero un salto di livello quando abbraccia il suo stile da Crudelia. Puoi parlare della creazione dei costumi di questi “due” personaggi?

Jenny Beavan: “Beh, penso che in realtà sia abbastanza chiaro nella sceneggiatura. C’è un vero arco narrativo per lei. E si spera che abbiamo trovato quell’arco in cui la vedi cambiare, sai, da una bambina che ovviamente ribelle e modifica la sua uniforme scolastica, proprio come me lo ricordo. La mia meravigliosa designer associata, la sorella di Sarah Young, è stata un’ispirazione per questo, perché era solita stravolgere il suo blazer e altro. Ma vedi solo come si sviluppa. E penso che quando arriva dalla baronessa che è un po’ antiquata ma un’ottima designer, [Crudelia, n.d.r.] impara molto e affina le sue abilità. Quindi puoi usare tutti gli elementi che sono effettivamente nella storia per fare in modo che il cambiamento avvenga in modo molto naturale.

Crudelia, Cinematographe.it

Fiona, la scenografia del film è ovviamente una gioia per gli occhi. Puoi parlare di quella che hai scoperto essere la più grande sfida nella creazione di questo mondo?

Fiona Crombie: “Voglio dire, ci ho pensato parecchio, e penso che la sfida più grande sia stata in realtà il numero di location. Sai, il film ha un ottimo ritmo, e in un certo senso ci muoviamo molto, e ci sono molti piccoli momenti che sono momenti importanti che richiedono set diversi. E così eravamo molto impegnati. C’erano, sai, 120 set da allestire nel corso delle riprese. E alcuni di loro erano enormi. E alcuni minuscoli, come piccole stanze. Ma penso che una delle cose di cui sono più soddisfatta del film sia il livello di dettaglio raggiunto in ognuno di quei set.”

Nadia, puoi parlare dei cambiamenti di capelli e trucco nei due personaggi?

Nadia Stacey: “Penso che la cosa più grande per me sia stata che i capelli e il trucco in questo film sono un po’ usati come strumento d’inganno. Sai, lei deve … deve camuffarsi agli occhi della baronessa. E così quando vediamo Estella per la prima volta, deve essere credibile che sia una ragazza che sta crescendo in quel tempo a Londra. E poi sviluppa questa persona in Crudelia. […] Quindi avevo bisogno che la differenza tra i due look fosse enorme. Dovevo mantenere Estella abbastanza semplice in modo da riservare qualcosa di grande, a un certo punto, per Crudelia.”

Parliamo della colonna sonora di Crudelia. C’è così tanto per le persone che conoscono già il periodo in cui è ambientato il film e le canzoni classiche, ma ci sono anche molte gemme davvero fantastiche.

Craig Gillespie: “Nella colonna sonora, è come se avessi progettato il film sapendo dove avremmo inserito la musica. Quindi, dovevo progettare inquadrature che dessero spazio alla musica. E poi, molto spesso sul set, mettevo la musica mentre giravamo le scene. Quindi, tipo, quella traccia dei Doors, quando abbiamo incontrato la baronessa per la prima volta, l’ho messa il giorno in cui stavamo girando e non è mai cambiata.

Emma Stone ed Emma Thompson commentano il loro antagonismo nel film

Crudelia, Cinematographe.it

Emily [Emma Stone, n.d.r.], sei rimasta sorpresa da quanto la Disney abbia permesso a questo film di diventare deliziosamente cupo?

Emma Stone: “Sì. Voglio dire, hanno davvero lasciato, Craig e Tony [McNamara – n.d.r.] liberi di scrivere e fare quello che volevano. E non lo so, penso che sia … è decisamente cupo per essere un film Disney.

Emma [Thompson, n.d.r.], la Baronessa è nuova in questo universo, ed è sia favolosa che anche un incubo vivente. Com’è stato il processo di crearla?

Emma Thompson: “Oh, beh, sai, ho attinto dalla vita, ovviamente. Ehm, voglio dire, penso che se mio marito fosse nella stanza, direbbe: ‘Non è stata richiesta recitazione, davvero.’ È stato così divertente farla, perché io penso di aver chiesto per un bel po’ di anni di interpretare un personaggio cattivo, davvero cattivo. E ho passato decenni a interpretare quelle che mia madre chiamava, ‘brave donne in tonaca’. E ora devo interpretare una donna davvero malvagia in tonaca. Ma oh, ragazzi, i vestiti. Voglio dire, mi hanno indossata, in realtà, è davvero quello che è successo. Mi sono divertita tantissimo. E ogni volta che Em ed io venivamo sul set, ci guardavamo intorno, come se fossimo – come se fossimo sculture o opere d’arte o qualcosa del genere, per come apparivamo. Voglio dire, è stato come se in un certo senso tutti avessero creato il file ‘Baronessa’, e poi sono intervenuta e ho solo detto le parole.

Emily, tra Estella e Crudelia, quale personaggio preferisci e quale è stato più una sfida per te?

Emma Stone: “A quale personaggio preferisco assomigliare di più nella vita? Beh, sai, è interessante, perché c’è una sorta di rifiuto di Estella che arriva a un certo punto, e lì io penso, Estella è dolce, ma non è completamente definita. Quindi direi che c’è qualcosa in Crudelia che è piuttosto attraente, perché è semplicemente quello che è. Lei è in piena accettazione e autonomia lì. Quindi sono piuttosto interessata a quel mondo di Crudelia. Ma sai, detto questo, lei fa alcune cose che io – supera alcuni limiti che non penso dovrei necessariamente superare. Ma ad essere onesti, io preferisco Crudelia.

Crudelia, Cinematographe.it

La Baronessa è molto dura ed egoista, è disposta a usare chiunque a suo vantaggio. Emma, ci puoi parlare di come hai affrontato il suo rapporto con Estella?

Emma Thompson: “Come Emma [Stone, n.d.r.], sono molto interessata al lato oscuro di un personaggio femminile, perché è così raro avere il permesso di mostrare il tuo lato oscuro. Sai, dovremmo essere tutti gentili e bravi, no? Non sappiamo da dove vengono tutti e come si sono sviluppati, ma la Baronessa è così risoluta, e lei dice questa cosa meravigliosa: ‘Se non fossi stata risoluta, avrei dovuto mettere il mio genio in fondo al cassetto‘, come tante altre donne geniali, che sono morte senza produrre nulla e senza usare il loro genio. Quindi, anche se non avrei necessariamente percorso quella strada, il suo impegno per la sua creatività è, piuttosto ammirevole, credo, e difficile, probabilmente.

Emily, crescendo eri un fan de La carica dei 101 e poi… ricevi quella chiamata per essere Crudelia. Com’è stato? 

Emma Stone: “Sì, ho adorato il cartone animato. Ho particolarmente apprezzato il fatto che i cani assomigliassero ai loro proprietari. Ho sempre pensato che fosse così divertente.
E ricordo che da bambina cercavo di vedere se i cani assomigliavano effettivamente ai loro proprietari, e molte volte era così. Ma sì, ho adorato il cartone animato. Pensavo che Crudelia fosse un personaggio davvero divertente. Non è stato così semplice ricevere una chiamata per interpretare Crudelia. È stato… sei anni fa. Voglio dire, è passato molto tempo prima che girassimo il film. C’era una specie di idea. Sai, la Disney ha tutto questo IP, tutti questi personaggi, e c’è una sorta di brainstorming. E in realtà è stato un processo di circa quattro anni e diversi sceneggiatori e cose diverse sono state portate sul tavolo, e sembrava davvero che non saremmo mai arrivati a fare il film.

Secondo te [Emma Stone, n.d.r.] il tuo personaggio ha dei punti deboli? Quali?

Emma Stone: “Oh, wow. Accidenti. Ehm, beh, sì, per il fatto che è umana ovviamente ha dei punti deboli. Direi che la sua debolezza è che lei – questo è praticamente un film su questo, sui suoi punti di forza che combattono le sue debolezze, penso. È molto una questione di natura contro educazione, questa storia. Quindi cosa avrebbe presto trovato lei una debolezza o cosa sua madre avrebbe considerato una debolezza, diventa una sorta di forza attraverso la sua creatività e il suo genio. È interessante. Penso che sia davvero un film su come le tue debolezze diventino i tuoi punti di forza, in un certo senso.”

Ultime notizie

Evan Rachel Wood shock: “Marilyn Manson mi ha violentata sul set”

Nel corso del documentario Phoenix Rising, l'attrice Evan Rachel Wood è tornata ad accusare il suo ex compagno Marilyn...

Articoli correlati