Avatar torna in versione rimasterizzata: intervista al cast del film

Avatar torna al cinema il 22 settembre 2022 in una versione rimasterizzata che permetterà al pubblico di (re)immergersi totalmente nelle sue indimenticabili atmosfere

In occasione dell’uscita in versione rimasterizzata di Avatar, a 13 anni di distanza dal debutto nelle sale cinematografiche, la produzione del film ha organizzato una conferenza stampa mondiale in versione digitale, alla quale hanno preso parte i principali membri del cast e il regista James Cameron.

Un incontro dall’atmosfera giocosa e solare, in cui i protagonisti Sam Worthington, Zoe Saldana, Sigourney Weaver, Michelle Rodriguez, Stephen Lang e ovviamente Cameron si sono alternati per rinnovare e celebrare insieme ai fan l’entusiasmo per un film immortale, del quale non vediamo l’ora di scoprire il primo sequel.

Avatar intervista, conferenza stampa, Cinematographe.it

A introdurre la conferenza, l’immancabile produttore Jon Landau che, dopo aver presentato i partecipanti, è entrato subito nel vivo della conversazione.

Avatar: la conferenza stampa internazionale in occasione del ritorno al cinema in versione rimasterizzata

Perché avete voluto riportare Avatar sul grande schermo e in che modo il pubblico potrà farne esperienza ora?

JAMES C.: Sono passati 12 anni dall’uscita, e quindi praticamente se
hai un po’ meno di 22 o 23 anni, è molto, molto improbabile che tu abbia visto il film in un
cinema. Il che in un certo senso significa che non hai visto il film. Voglio dire, siamo stati gli autori del film per il grande schermo, per il maxischermo, in 3D. E ora l’abbiamo rimasterizzato in 4K, in alta
gamma dinamica e con alcune sezioni di 48 fotogrammi al secondo.
Ha un aspetto migliore di quanto non abbia mai avuto, anche nella sua versione originale.

Torniamo al cast. Quali sono i vostri ricordi preferiti del processo di realizzazione del film?

SAM W.: Beh, quando l’ho letto per la prima volta, c’erano cose incomprensibili. Ci sono cose come Thanators in cui non avevo idea di cosa si stesse parlando. E ancora meno di come le avremmo realizzate. E poi il mio ricordo più grande è quella sensazione di star giocando, perché è stato così. Ed è così che abbiamo fatto questo film. Jim ogni giorno diceva “sentite, costruirò qualcosa e creerò qualcosa che si tradurrà in una montagna fluttuante, e ho bisogno che voi ci saltiate giù”


SIGOURNEY W.: Beh, ricordo solo il mio primo giorno nel Volume, che è dove abbiamo realizzato le scene. Indossavo la mia piccola tuta per la motion capture. E la mia prima scena è stata in realtà quella di interpretare l’avatar della dottoressa Grace Augustin. E c’era uno schermo sul lato dove potevo vedere una prima versione di come sarebbe apparsa nel film. In altre parole, quindi, non sembravo io con un costume, potevo vedere solo una versione grezza dell’altissimo avatar di Grace in questa sorta di giungla. E questo mi ha dato un brivido, un grande senso di sollievo che forse avrebbe funzionato. Ma anche quest’ idea che da quella piccola stanza saremmo stati in grado di creare questo mondo alternativo fantastico. L’unico modo per visitare Pandora è andare al cinema e vederlo in 3D.

avatar 2 cinematographe.it

ZOE S.: Io non posso dimenticare di aver ricevuto quella telefonata da Jim che diceva: “Voglio che interpreti Neytiri”. Stavo cambiando il pannolino sporco di mia nipote in quel momento, e non mi sono mai goduta il cambio di un pannolino [RISATE] come quando ero al telefono
con Jim. E ricordo che il solo il pensiero che mi è passato per la mente era eccitazione. Era
gratitudine. Stavo per lavorare con il mio idolo. Con il creatore di Sarah Connor e di Ellen Ripley.
è così serio, se metto tutti questi strumenti, posso far parte di qualcosa di veramente magnifico.


MICHELLE R.: Se c’è una cosa su tutte che potrei estrarre dalle riprese di Avatar
con Jim, è l’apertura dei miei orizzonti. E quindi posso dire che l’esperienza di essere semplicemente stata in un film di Jim Cameron è stata straordinaria. Non c’è stato un giorno in cui non fossi impressionata da qualcosa di nuovo che avevo imparato.

STEPHEN L.: Penso che, per me, sia stata la prima scena del commissario “Non sei più in Kansas”, che credo sia la prima scena che ho girato nel film. E sono successe due cose in quella scena, che in realtà si sono ripercosse sul resto delle riprese per me, e in effetti, anche nei sequel e nel modo in cui lavoro con Jim. Prima di tutto, mi ha incoraggiato a essere libero e ad improvvisare come sentivo di dover fare. Stava dirigendo il film, era il capo, ma mi ha davvero dato autorità in quella stanza. Quella
è stata una cosa molto generosa e molto intelligente. E sono stato fortunato
di poterla fare. Quindi, quella fiducia che ha riposto in me in quella scena si è estesa durante tutto il nostro rapporto di lavoro.

Perché pensate che il film sia stato così incredibilmente popolare tra il pubblico
quando è uscito la prima volta, e perché pensate che quelle stesse cose avranno ancora un impatto oggi per un pubblico?

JAMES C.: Beh, penso che qualsiasi film sia buono solo quanto le persone che ci sono dentro, e puoi vedere di fronte a te cinque persone che hanno portato il loro cuore e la loro anima in quel film. Quindi ci si trova n un mondo con questi personaggi ultraterreni. Penso che Avatar ci abbia portato fuori dai nostri problemi quotidiani. Ci abbia portato fuori dalla nostra giornata e dal disordine della vita reale.
E quindi, qualunque fosse la propria cultura, che tu fossi in Cina o in Giappone, in Europa o in Nord America, non importava. Le persone hanno visto una certa universalità delle loro vite e di questi
personaggi attraverso questa lente fantascientifica. E poi penso che sia stata l’esecuzione fisica, le persone hanno semplicemente rinunciato a cercare di capire come è stato fatto, perché abbiamo mescolato così tante tecniche che ci sono voluti anni per svilupparlo.
E così il pubblico si è arreso a un senso di immersione in un mondo e in una fantasia, riuscendo comunque a relazionarsi con i personaggi principali. Penso che le persone abbiano trovato elementi universali dell’esperienza umana con cui relazionarsi.

La versione rimasterizzata di Avatar arriverà nelle sale cinematografiche italiane il 22 settembre 2022, in attesa dell’uscita dell’attesissimo sequel del film, previsto per dicembre.

Articoli correlati