fbpx

Editoriale | Perché Vice – L’uomo nell’ombra non è un semplice biopic?

Tempo di lettura: 3 minuti

Esistono i film e poi esistono i biopic. I film hanno libertà di respiro, intuizioni visive, narrazioni che si mescolano alle maestranze tecniche e possono rendere astruso anche il più semplice dei concetti o delle trame. I biopic hanno ben poca scelta, affascinati dalle gesta di personaggi di cui vale la pena parlare, ma che affievoliscono la fantasia in favore di un quadro generale della vita e delle azioni dell’essere umano protagonista. Principio, presentazione, svolgimento, ostacolo, risoluzione o meno, fine. Uno schema invariato, impossibilitato nell’esprimersi diversamente.

Ma ci sono cineasti che della semplicità di racconto, nell’essenzialità delle tappe da dover affrontare, sanno ricavare l’opportunità creativa per fare di quei basilari biopic una rappresentazione di puro cinema. Non solo individuo con la sua esistenza, ma individuo con un compartimento immaginativo e tecnico che può dar vita ad un’opera cinematografica nella sua totalità. È ciò che ha fatto Todd Haynes con Io non sono qui e le differenti incarnazioni del poeta-cantante Bob Dylan, è quello che ha fatto Damien Chazelle con i silenzi siderali di First Man – Il primo uomo e il viaggio attraverso la morte di Neil Armstrong. Ed è ciò che, all’ennesima potenza, fa Adam McKay con il suo nuovo gioiellino Vice – L’uomo nell’ombra.

Vice – L’uomo nell’ombra o come pensare un biopic in maniera cinematograficavice - l'uomo nell'ombra cinematographe

Pensando cinematograficamente, il regista statunitense si distacca dalla conformità solita dell’opera biografica. Attivando delle idee di trasposizione filmica, che nella loro presunta follia sanno mostrarsi in maniera brillante, la pellicola accende di scoppio le sinapsi spettatoriali, non limitandosi ad offrire – e subire – una visione passiva, ma costruendo il film nella medesima maniera in cui si andrebbe assemblando un gioco, sia per il pubblico che per il realizzatore. Modo di racconto che era già proprio del suo precedente lavoro La grande scommessa, che ha fatto sì che le sue trovate irrisorie e allentanti si tramutassero in un Oscar per la Miglior sceneggiatura non originale nel 2016.

Geniale è perciò il quadro che Adam McKay fa del politico Dick Cheney. Geniale. Non perché ne stravolge la figura o per il tentativo di addentrarsi in psicologie comportamentali che possano analizzare le decisioni e l’animo da stratega del vicepresidente dell’era di Bush Jr. È l’immaginazione che analizza se stessa ed elabora in grande la vera marca che contraddistingue lo sceneggiatore e regista. Lo sguardo di insieme che trova nelle soluzioni metaforiche – visive e paratestuali – il carattere espressivo dell’opera, che è poi l’asso messo in campo da McKay e che restituisce tutta la voglia di cinema che il cineasta riesce a contenere a stento. Una pellicola che freme e solletica, che accosta la realtà alla sua rappresentazione più fantasiosa, in accordo alle similitudini più appropriate. Che gestisce i machiavellici espedienti come un pescatore prepara l’amo per il suo pesce. Che ripensa come avrebbe fatto Shakespeare nel vedere due amanti cospiratori interagire sotto le lenzuola del loro letto.

Il contenuto rielaborato e rimaneggiato di Vice – L’uomo nell’ombravice - l'uomo nell'ombra cinematographe

È, dunque, di cinema che il biopic su Cheney vive. Delle sue varianti registiche e sceneggiate. Del montaggio, ragionato fino a partire dalla scrittura. Anzi, ideato ancora prima, a renderlo parte integrante del processo di stesura del film. E fa satira e fa ragionamento. E fa storia accaduta e fa cinema d’invenzione. Sbiadisce i contorni canonici del biopic, li scolorisce e li annulla. Si innalza come arte e comprende che è solo grazie alle proprie tecniche che la vita di qualunque soggetto può diventare pellicola. Anche quella dell’uomo più misterioso della politica americana. Anche di colui che ha dato il via ad una guerra.

Vice – L’uomo nell’ombra è molto più di un semplice biopic. È la coscienza di poter rimaneggiare qualsiasi contenuto e arricchirlo con un’ironia e un’intelligenza sconsiderate. È oltre la riproduzione del biografico. Ed è già uno dei migliori titoli del 2019.

Ultimo aggiornamento: 3 Gennaio 2019 12:44

TOP TRAILER

la paranza dei bambini cinematographe.itvideo

La Paranza dei Bambini: trailer ufficiale del film di Claudio Giovannesi

Vision Distribution ha pubblicato il primo trailer ufficiale de La Paranza dei Bambini, il film tratto dal romanzo di Roberto Saviano La Paranza dei Bambini...
John Wick - Capitolo 3: Parabellum, cinematographe.itvideo

John Wick – Capitolo 3: Parabellum – trailer del film con Keanu Reeves

L'assassino John Wick ha ancora qualche conto da sistemare in John Wick - Capitolo 3: Parabellum, in arrivo al cinema a maggio Dopo il poster...
Ghostbusters 3 uscirà nel 2020, CINEMATOGRAPHE.ITvideo

Ghostbusters 3 uscirà nel 2020: ecco un mini-teaser!

Meno di un giorno dopo l'annuncio della realizzazione di un nuovo film su Ghostbusters che ecco arrivare un teaser di Ghostbusters 3 Non solo! Questo...
video

John Wick – Capitolo 3: Parabellum – ecco il teaser trailer del film

Keanu Reeves non ha intenzione di permettere a Spider-Man di divertirsi nel nuovo teaser di John Wick - Capitolo 3 - Parabellum! Ore dopo l'uscita...
Glass - dal 17 gennaio al cinema

FILM AL CINEMA

La scorsa Settimana
5
Attenti al Gorilla
10 gennaio 2019
Benvenuti a Marwen
10 gennaio 2019
City of Lies
10 gennaio 2019
Non ci resta che il crimine
10 gennaio 2019
Una notte di 12 anni
10 gennaio 2019
Questa Settimana
8
Mia Martini - Io sono Mia
14 gennaio 2019
Dove bisogna stare
17 gennaio 2019
Glass
17 gennaio 2019
La douleur
17 gennaio 2019
L'Agenzia dei Bugiardi
17 gennaio 2019
Maria Regina di Scozia
17 gennaio 2019
Mia e il Leone Bianco
17 gennaio 2019
M.I.A. - La cattiva ragazza della musica
20 gennaio 2019
Prossima Settimana
12
Mathera
21 gennaio 2019
Voglio mangiare il tuo pancreas
21 gennaio 2019
Compromessi sposi
24 gennaio 2019
Creed II
24 gennaio 2019
I bambini di Rue Saint-Maur 209
24 gennaio 2019
Il mio capolavoro
24 gennaio 2019
La Favorita
24 gennaio 2019
L'uomo dal cuore di ferro
24 gennaio 2019
Ricomincio da me
24 gennaio 2019
Se la strada potesse parlare
24 gennaio 2019
BTS World Tour: Love Yourself in Seoul
26 gennaio 2019
Chi scriverà la nostra storia
27 gennaio 2019
Dal 31 gennaio
4
Dragon Trainer: Il Mondo Nascosto
31 gennaio 2019
Green Book
31 gennaio 2019
Il Primo Re
31 gennaio 2019
L'esorcismo di Hannah Grace
31 gennaio 2019
Dal 7 febbraio
8
Tramonto
04 febbraio 2019
10 giorni senza mamma
07 febbraio 2019
Copperman
07 febbraio 2019
Il Corriere - The Mule
07 febbraio 2019
Il professore cambia scuola
07 febbraio 2019
Le nostre battaglie
07 febbraio 2019
Remi
07 febbraio 2019
Shut Up and Play the Piano
10 febbraio 2019