I retroscena di Avengers: Endgame svelati da Kevin Feige

Durante un incontro coi fan su Reddit, il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige ha rivelato alcuni retroscena di Avengers: Endgame e del futuro Marvel.

- Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2019 19:26 - Tempo di lettura: 6 minuti

Il presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige, ha recentemente risposto ad alcune domande particolarmente interessanti su Avengers: Endgame e sul futuro dell’MCU. Feige ha iniziato a lavorare per la Marvel nel 2000, quando è stato assunto come produttore e, da grande conoscitore dell’universo Marvel, ha da subito impressionato chiunque gli stava intorno. La sua influenza è cresciuta talmente tanto che nel 2007 è stato nominato presidente di produzione per i Marvel Studios.

Feige ha quindi il merito del successo sempre crescente dell’universo Marvel, creando uno studio nuovo e non testato e trasformandolo in un nome familiare. L’MCU ha ora incassato oltre 21 miliardi di dollari in tutto il mondo, e  Avengers: Endgame è gran parte del successo è dovuto alla leadership visionaria di Feige, in grado di pianificare attentamente le cose con largo anticipo.

12. Cosa succederà dopo Avengers: Endgame?

Sappiamo già dell’imminente arrivo di Spider-Man: Far From Home ma Feige ha deciso di scaldare un po’ gli animi mettendosi a disposizione dei fan su Reddit. Naturalmente, non si è potuto sbilanciare troppo; i piani della fase 4 dell’MCU si presume verranno annunciati ufficialmente al Comic-Con 2019 di San Diego. Inoltre, Feige ha evitato le domande sulla relazione tra Marvel Studios e Marvel Television, in particolare per quanto riguarda la serie TV Agents of S.H.I.E.L.D.. Tuttavia, le risposte che ha fornito sul passato, presente e futuro del MCU sono piuttosto interessanti.

11. La Marvel ha iniziato a pianificare Infinity War e Endgame nel 2012

La Marvel ci ha sempre visto lungo, come si è potuto notare con la scena post-credits di The Avengers. Il regista Joss Whedon sapeva di avere bisogno di un grande cattivo, ed è sempre stato un fan di Thanos nei fumetti, quindi ha pensato di presentare il “Mad Titan”. Per la sua gioia, la Marvel fu d’accordo. E secondo Feige, è stato allora che la Marvel ha iniziato a considerare l’adattamento del fumetto di Infinity Gauntlet di Jim Starlin per l’MCU.

I piani iniziarono a prendere forma durante un incontro creativo circa cinque anni fa, quando la Marvel decise di dividere la storia in due film; questo accadeva poco prima dell’annuncio della fase 3, al momento con i titoli di di Infinity War, parte I e II. All’inizio del 2015, poco prima della produzione di Captain America: Civil War, è stato chiesto a Christopher Markus e Stephen McFeely di lavorare sulle sceneggiature e ai fratelli Russo la possibilità di dirigerli. “Abbiamo iniziato a definire i tratti della storia durante la produzione di Civil War” ricorda Feige “mentre andavamo avanti e indietro tra una ripresa e l’altra”.

10. Mark Ruffalo ha contribuito a realizzare la storia di Hulk

La storia di Hulk si è evoluta dapprima con Thor: Ragnarok, passando ad Avengers: Infinity war e infine ad Avengers: Endgame. Sorprendentemente, sembra che l’ispirazione originale di questo ciclo narrativo sia venuta fuori proprio dallo stesso Mark Ruffalo. “Molti anni fa, Mark è venuto per un incontro con noi alla Marvel Studios per discutere dei modi in cui Hulk sarebbe potuto crescere ed evolversi nei film in uscita” ha osservato Feige. “Ha avuto molte idee interessanti, alcune delle quali hanno portato a ciò che si è visto in Thor: Ragnarok, Infinity War e Endgame, e alcune di potrebbero essere utilizzate un giorno”. Quando un attore recita un ruolo per diversi anni, si preoccupa molto del personaggio, ed è bello vedere che le sue opinioni vengono accolte positivamente.

9. Capitan America è sempre stato degno?

Un momento piacevole per la folla in Avengers: Endgame è stato quello che ha visto Steve Rogers impugnare Mjolnir nella lotta contro Thanos. Per quanto riguarda Feige, però, non sarebbe dovrebbe essere una sorpresa. “Pensiamo che sia sempre stato degno” ha osservato.

8. Lo schiocco di dita di Hulk

Hulk ha un ruolo chiave in Avengers: Endgame, poiché è l’unico abbastanza forte da usare l’Infinity Gauntlet di Iron Man e sopravvivere all’esperienza. È in grado di usarlo per invertire lo schiocco, riportando tutti quelli che erano stati persi. C’è stata una discussione su come funzionasse il contro-scatto: un interlocutore ha chiesto se fosse possibile che Hulk non abbia semplicemente riportato indietro tutti, ma le ha riportate in un luogo sicuro. A Feige sembrava piacere l’idea. “Ci riferiamo alla versione di Hulk in Endgame come Smart Hulk“ha osservato. “Quindi, sì”.

7. Come funziona il viaggio nel tempo in Avengers: Endgame?

C’è stato un acceso dibattito sul funzionamento del viaggio nel tempo nell’MCU, complicato dal fatto che gli sceneggiatori e i registi di Avengers: Endgame sembrano avere un’interpretazione diversa. A Feige è stato chiesto se poteva dare una risposta definitiva, e la sua risposta non è stata di aiuto. Ha dichiarato con fermezza di saperlo ma non ha dato una spiegazione. È possibile che Feige senta di non aver bisogno di dare una risposta in questa fase, semplicemente perché ci sono buone probabilità che il Multiverso venga esplorato ulteriormente in Spider-Man: Far From Home. In alternativa, potrebbe anche essere che non voglia sollevare questo particolare dibattito insistendo su un approccio piuttosto che su un altro.

6. Stan Lee non è riuscito a vedere Avengers: Endgame

Purtroppo, sembra che Stan Lee non abbia mai visto Avengers: Endgame. “Stan amava aspettare per vedere il film alla premiere” ha risposto Feige “quindi purtroppo non è riuscito a vederlo”. Tutto quello che sappiamo è che ha ottenuto lo script dell’intera storia il giorno in cui è arrivato a girare il suo cameo.

5. Altri dieci anni dell’MCU?

Secondo Feige, la Marvel di solito fa piani per cinque anni, il che significa che al momento avrà un’idee spendibili fino al 2024. Tuttavia spesso il piano generale si estende molto di più, il che spiega il perché di alcuni contratti stipulati fino al 2028.

4. Un possibile ritorno del Mandarino?

Curiosamente, Feige ha fornito solo un dettaglio concreto sul futuro del MCU. Gli è stata posta una domanda diretta sull’eventualità che la Marvel intendesse o meno utilizzare l’organizzazione criminale dei Dieci Anelli, o il loro leader il (vero) Mandarino, di cui si è accennato nel cortometraggio All-Hail the King. Feige ha confermato che qualcosa è in lavorazione. Inoltre, voci ricorrenti hanno suggerito che il Mandarino potrebbe apparire nella storia di Shang-Chi e, visti i commenti di Feige, potrebbero essere davvero accurate.

3. Il ritorno di alcuni personaggi

A Feige è stato chiesto se abbia mai preso in considerazione la possibilità di riportare indietro personaggi precedentemente dimenticati, come il Capo, l’Abominio o Justin Hammer. Sebbene abbia accuratamente evitato di dare una risposta diretta, non ha escluso un certo interesse per alcuni personaggi che potrebbero non essere del tutto morti.

2. Il Marvel Cinematic Universe oltre il cinema

Circa i cortometraggi Marvel ideati nel 2011, Feige risponde in questo modo: “La cosa migliore degli One Shots è che possiamo dare corpo ad altri personaggi. È tremendamente eccitante vedere le serie su Disney+ in cui possiamo trovare personaggi nuovi o già apprezzati”. In questo modo, allude agli spettacoli di Disney+ come successori spirituali dei cortometraggi. Inoltre, Feige ha promesso che questi spettacoli si collegheranno “totalmente e completamente” ai film.

1. Dopo Stan Lee: i cameo di Kevin Feige

Ci sono state molte speculazioni sul fatto che Feige manterrà viva la tradizione cameo di Stan Lee facendo le sue apparizioni a sorpresa nel MCU. Tuttavia, Feige stesso non sembra particolarmente interessato all’idea. “Non mi piace stare sotto ai riflettori” ha rivelato “ma ho fatto un cameo in una scena eliminata nel primo X-Men. Ero completamente coperto da cappuccio, maschera e occhiali” scena che però è stata tagliata in post-produzione.