Creed II – ecco chi è la vecchia conoscenza di Rocky Balboa [SPOILER]

L'articolo contiene SPOILER! In Creed II vedremo finalmente il ritorno di un amato personaggio legato a Rocky. E non stiamo parlando di Ivan Drago!

Dopo l’incredibile successo riscosso con il primo capitolo, il figlio del leggendario Apollo Creed torna a combattere sul ring e stavolta dovrà affrontare nientemeno che il figlio di Ivan Drago. Allo stesso tempo, Rocky affronterà i suoi dilemmi interiori per trovare il coraggio di ristabilire il rapporto con una vecchia conoscenza. Di chi si tratta?

ATTENZIONE! QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU CREED II!

Con un inaspettato twist finale, Creed II ha visto il lieto ritorno di un personaggio che avevamo lasciato – ma non dimenticato – nell’ultimo capitolo della saga principale dello Stallone Italiano: stiamo parlando di Robert Balboa Jr., il figlio di Rocky interpretato da Milo Ventimiglia, la cui assenza nella precedente pellicola non era stata particolarmente approfondita e lasciando presagire un rapporto non proprio idilliaco tra i due, nonostante essi si fossero ravvicinati in occasione dell’incontro di box avvenuto alla fine di Rocky Balboa.

Leggi anche il nostro Editoriale | Perché Sylvester Stallone è Rocky Balboa?

Un ritorno perfetto per celebrare nel migliore dei modi la conclusione dell’arco narrativo di Rocky e sviluppare appieno la dinamica padre-figlio che si è rivelata essere il tema centrale di questo secondo capitolo in cui Adonis Creed ha continuato i suoi combattimenti sul ring al fianco di Rocky nelle vesti di suo mentore e allenatore. Ma negli ultimi mesi, più che sulle svolte nella storia del protagonista, tutta l’attenzione si era focalizzata sulla grande riapparizione di Dolph Lundgren nei panni di Ivan Drago, uno dei rivali più amati di Rocky e protagonista del quarto film della saga principale, che in Creed II porterà suo figlio Viktor Drago in veste di sfidante per rivendicare la sconfitta avvenuta tra Rocky e Ivan negli anni ’80. Nel corso del film, padre e figlio si dimostrano una coppia affiatata e particolarmente unita, mentre la dinamica tra Adonis e Rocky inizia ad incrinarsi a causa dei loro caratteri contrari ma non così dissimili e del loro diverso modo di vedere il mondo. Il rifiuto da parte di Rocky di allenare Adonis per la sfida contro il rivale russo porterà a una rottura tra i due, dalla quale riemergeranno solamente quando lavoreranno insieme per sconfiggere Drago e suo figlio.

Creed II: vedi qui le featurette di Sylvester Stallone & Dolph Lundgren

Creed II: l’atteso finale che tutti aspettavano da tempo

In Creed II assisteremo al ritorno di Dolph Lundgren nei panni di Ivan Drago, il cui figlio Viktor sarà lo sfidante di Adonis.

Saranno proprio il travagliato rapporto con Adonis e il risultato dello scontro finale che convinceranno Rocky a trovare il coraggio per riavvicinarsi a suo figlio Robert dopo tutti questi anni di silenzio. Alla fine di Creed II, il vecchio pugile si decide finalmente a bussare alla porta di casa del figlio e la riunione tra i due, inclusa di abbraccio, sarà estremamente toccante per tutti i fan che hanno aspettato questo momento tanto quanto Rocky. Con lo stallone italiano che entra felicemente in casa per recuperare gli anni persi si ha quell’agognato e appagante finale per una vita di successi e disgrazie, grandi vittorie e sconfitte iniziata negli ormai lontani anni ’70 e che ancora oggi riesce a far commuovere ed emozionare milioni di persone. La tanto attesa reunion tra Rocky e Robert è il culmine di una storia senza tempo durata quasi 40 anni che ha diritto a una fine gloriosa come il suo protagonista.

Nel secondo film della saga, avevamo assistito alla travagliata nascita di Robert e, successivamente, avevamo visto il bambino supportare suo padre in maniera entusiasta nel corso di Rocky III e di Rocky IV. Il rapporto era iniziato a cambiare a partire dal quinto film a causa della gelosia di Robert nei confronti delle attenzioni che il padre elargiva a Tommy Gunn, pupillo e successivamente rivale di Rocky. Nonostante i vari tentativi di Robert di avvicinarsi di nuovo al genitore decidendo di prendere lezioni di pugilato e dimostrarsi forte come lui, Rocky lo aveva sempre allontanato in favore del suo adepto, rendendosi conto del suo errore solamente alla conclusione del film. Il divario nella loro relazione era continuato a crescere fuori dallo schermo nei successivi 16 anni fino all’incontro di un adulto Robert in Rocky Balboa, carico di risentimento e irritazione nel vivere la sua esistenza all’ombra di un grande pugile rinomato non solo nel suo quartiere ma nel mondo intero. Alla fine dell’ultimo capitolo della saga principale, avevamo lasciato i due in visita alla tomba di Adriana, con la speranza che presto le vecchie incomprensioni si sarebbero riappacificate ma, in base a quanto affermato in Creed, forse non è stato proprio così.

Creed II: ecco perché nel primo capitolo non abbiamo visto Robert

L’ultima apparizione di Robert Balboa Jr. è stata nel finale del sesto e ultimo capitolo della saga di Rocky.

Nel primo capitolo della saga di Adonis Creed, avevamo scoperto che Robert aveva deciso di lasciare Philadelphia per trasferirsi a Vancouver, dove aveva iniziato una nuova vita lontana dalla pressante ombra della fama di suo padre. Nient’altro ci era stato detto sul loro tormentato rapporto, ma dal racconto di Rocky avevamo colto la sua amarezza e angoscia. In Creed II, ci è stato rivelato che Rocky ha vissuto un periodo difficile in cui non riusciva a trovare le parole per avere una conversazione con Robert dopo tutti questi anni di silenzio e, per tale motivo, a ogni suo tentativo di chiamata, Rocky riagganciava prima che l’altro potesse prendere in mano la cornetta. Più volte nel corso del film si è mostrato il dibattito interiore che stava avvenendo nella mente e nel cuore dell’ex-pugile, ma l’uomo non era ancora pronto ad affrontare la realtà. Alla fine della pellicola, Rocky è riuscito a trovare la forza di andar a trovare il giovane direttamente a casa per un incontro faccia a faccia che ha lasciato tutti decisamente più soddisfatti rispetto a una semplice conversazione telefonica.

L’incontro tra Rocky e Robert alla fine di Creed II è stato intenso ma fugace, permettendo di gettare le basi per la ricostruzione di un rapporto che sembrava ormai perduto. Un finale che, nel caso di un possibile sequel, potrebbe dare la possibilità di vedere padre e figlio di nuovo felici, come lo erano una volta o, forse, ancora di più.

Creed II è al cinema in Italia dal 24 gennaio.

Articoli correlati