Una vita esagerata Cinematographe.it
Scopri il nostro Shop Online

Una vita esagerata – titolo originale A Life Less Ordinary – è una commedia noir del 1997 diretto da Danny Boyle (Trainspotting, 127 ore) e scritto da John Hodge. Sono protagonisti Ewan McGregor, Cameron Diaz, Holly Hunter, Delroy Lindo, Ian Holm e Dan Hedaya.

Una vita esagerata Cinematographe.itIl giovane Robert (Ewan McGregor) ha un sogno nel cassetto, quello di diventare un giorno un famoso scrittore.  Prima che si avveri il suo desiderio, il ragazzo deve affrontare la dura realtà e cioè quella di lavorare come custode in una grande azienda il cui proprietario Naville ha una figlia: la bellissima e totalmente fuori di testa Celine (Cameron Diaz). A mettere un po’ di pepe nella monotona vita dei due ragazzi sono due angeli, O’Reilly e Jackson che per “ordini superiori”, devono fare in modo che i due ragazzi si incontrino e si innamorino.

L’occasione giusta è il licenziamento di Robert: quando questi va da Naville a chiedere spiegazioni, vede Celine e per ripicca la rapisce e la porta in un casolare abbandonato. Qui la situazione si ribalta perché fondamentalmente Robert non è un cattivo ragazzo: Celine, afflitta da un’esistenza noiosa, decide di pianificare lei stessa la richiesta del suo riscatto. I due ragazzi passano da continui litigi all’innamoramento tra rocambolesche avventure e qualche piccolo miracolo…

Una vita esagerata: i brani della colonna sonora originale

Una vita esagerata Cinematographe.it

Un film così folle nato dalla mente altrettanto folle e creativa di Danny Boyle, non poteva essere realizzato senza il supporto di una colonna sonora spettacolare. Dall’autentico spirito giovanile, un po’ ribelle e un po’ passionale, le canzoni che hanno animato questa pellicola dovevano riuscire a seguire l’animo buono di Robert e, allo stesso tempo, i tormenti di Celine. Per dare un’anima autentica al racconto di Boyle, è stata fatta una scelta: quella di inserire brani della musica britannica di metà anni ’90.

Dato che il film è ambientato in America, è stata appropriata la scelta di inserire diverse band americane nella colonna sonora: la prima metà del disco è – come dire – a dir poco stellare, a partire dal groove del brano Deadweight di Beck, e Love Is Here di Luscious Jackson.

L’alternative rock degli Ash è racchiuso nel brano A life Less Ordinary (che è anche il titolo originale del film) la titolata title track di Ash, fino ad arrivare a Leave dei REM. Una prima parte del disco assolutamente scoppiettante e in linea con l’idea di realizzare una pellicola appunto “fuori dall’ordinario”.

La seconda parte invece cade un po’ troppo nell’ordinario, rispolverando alcuni vecchi successi come Always on My Mind di Elvis Presley, Beyond the Sea di Bobby Darin. A ridare un po’ di slancio ad una seconda parte altrimenti un po’ troppo “melensa” ci pensano i Cardigans con It’s War, gli Underworld con Oh e i Prodigy con Full Throttle. Complessivamente la colonna sonora di A Life Less Ordinary non è poi così coinvolgente come quella di Trainspotting, ma ci piace lo stesso moltissimo, soprattutto nella prima metà dove le canzoni hanno uno stato d’animo caratteristico e irresistibile.