L’ultimo paradiso: le location del film Netflix con Riccardo Scamarcio

Passioni e sacrifici di un microcosmo contadino raccontati nel film L'ultimo paradiso, scritto, prodotto e interpretato dall'attore pugliese Riccardo Scamarcio: proprio il tacco d'Italia è stato set di questa pellicola dal sapore agrodolce, con le sue campagne selvagge popolate da distese di uliveti.

Da leggere

Jessica Chastain mostra come mangiare gli spaghetti in un video tutorial imperdibile

Jessica Chastain, in occasione del National Pasta Day, ha pubblicato su Instagram un breve tutorial sul corretto metodo con...

House of Secrets: The Burari Deaths, recensione della docuserie Netflix

House of Secrets: The Burari Deaths, la nuova docuserie Netflix diretta da Leena Yadav e prodotta da Yogendra Mogre e...

Il Cacciatore 3: recensione dei primi episodi della fiction Rai

Dopo l'irriverenza e il politicamente scorretto di Coliandro, la stagione della fiction di Rai Due prosegue sulla linea dell'anticonformismo,...

Block title

Disponibile in streaming su Netflix dallo scorso venerdì 5 febbraio, L’ultimo paradiso è un film diretto dal regista Rocco Ricciardulli in cui però è fortemente presente la narrazione di Riccardo Scamarcio, l’attore che interpreta uno dei protagonisti principali di questa pellicola dal sapore mediterraneo, autentica e struggente.

l'ultimo paradiso recensione film netflix cinematographe.it

La storia narrata nel film è ambientata nel 1958, in un paesino del Meridione. Ciccio Paradiso (Riccardo Scamarcio) è un contadino quarantenne, sposato da anni con Lucia (Valentina Cervi) dalla quale ha avuto anche un figlio, il piccolo Antonio. Ciccio è un sognatore, un po’ politicizzato, che vorrebbe per la propria comunità di contadini e coltivatori di uliveti un riscatto sociale ben difficile da ottenere quando a fare il prezzo del raccolto sono i ricchi commercianti che sfruttano i lavoratori della terra a loro piacimento. La rivendicazione di maggiori diritti sul lavoro, però, non è l’unica chimera di Ciccio che sogna anche di fuggire insieme alla ragazza di cui è innamorato, Bianca (Gaia Bermani Amaral), la figlia del proprietario terriero noto come Cumpà Schettino (Antonio Gerardi). Sarà proprio questa passione, adultera per lui e proibita per la giovane, a compromettere irrimediabilmente Ciccio.

L’ultimo paradiso: dov’è stato girato il film? Il borgo di Gravina

Che sia in parte un omaggio alla sua splendida terra natale, Scamarcio non l’ha certo negato: è la Puglia la protagonista del film L’ultimo paradiso, ma non quella delle coste dorate dove la vita ruota attorno al mare e il lavoro più comune è quello del pescatore, bensì la Puglia dell’entroterra, quella dove i contadini si guadagnano il pane raccogliendo le olive. D’altronde, si sa che la Puglia è una delle regioni italiane il cui olio d’oliva è maggiormente apprezzato per la sua eccellente qualità.

Gravina di Puglia, uliveti, L'ultimo paradiso, Cinematographe.it

Per girare il film, dunque, non c’era location migliore che il borgo di Gravina: già noto al cinema per essere stato set di un film di James Bond, il piccolo comune è famoso anche per essere immerso nello scenario selvaggio, lussurioso e incontaminato del Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

Un paradiso, insomma, per gli amanti delle vacanze a stretto contatto con la natura e dal sapore autentico: dal trekking alle escursioni nelle antiche grotte scavate nelle rocce di tufo – come quella delle Sette Camere – qui non ci si annoia di certo.

Le antiche case di Gravina, le stradine che si inerpicano in altezza, sono state perfette per rappresentare al massimo l’atmosfera degli Anni Sessanta: un borgo semplice, fatto da persone umili, ma con un ricco patrimonio culturale.

Gravina di Puglia, L'ultimo paradiso, Cinematographe.it

Oggi a Gravina sono diverse le cose da fare e da vedere: ad esempio, si possono visitare l’antica Chiesa Rupestre di San Basilio e il Chiostro di Santa Sofia oppure ci si può immergere nell’atmosfera un po’ medievale del Rione Fondovito e del Rione Piaggio, dopo una passeggiata panoramica sullo storico e affascinante Ponte dell’Acquedotto.

Non solo centro storico: il film lascia spazio, nella sua spettacolare scenografia, anche al paesaggio del Colle di Botromagno, la bellissima area naturalistica di Capotenda. Ma lì, a 400 metri dal livello del mare, i protagonisti assoluti sono gli uliveti, presenti già dalle primissime scene del film.

Gravina di Puglia: cosa mangiare

Buongustai, a rapporto! La Puglia è sicuramente famosa per la sua scena enogastronomica e Gravina non può certo che confermare la sua reputazione: se vi trovate di passaggio tra gli ulivi e la natura dell’Alta Murgia, non potete fare a meno di assaggiare i prodotti locali e i piatti tipici della zona.

Ad esempio, imperdibile è di certo U Calaridd: si tratta di un piatto squisito a base di succulenta carne di agnello ed erbe spontanee, tipico della tradizione contadina.

Pallone di Gravina, Cinematographe.it

A questo si può certo abbinare un assaggio del Pallone di Gravina, un formaggio fatto da latte crudo vaccino e un calice di Verdena Doc… Avete già l’acquolina in bocca? D’altronde si sa, dove c’è tradizione contadina c’è di certo buon cibo!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Jessica Chastain mostra come mangiare gli spaghetti in un video tutorial imperdibile

Jessica Chastain, in occasione del National Pasta Day, ha pubblicato su Instagram un breve tutorial sul corretto metodo con...

Articoli correlati