Baby Boss

Quando si parla in generale di “film per bambini” non è sempre facile capire se l’ultimo film d’animazione o d’avventura uscito al cinema sia appropriato per i nostri bambini. Sì perché ogni pellicola può presentare contenuti specifici adatti a specifiche fasce di età generalmente non indicate dai distributori. Un dubbio che può sorgere facilmente pensando ad esempio all’ultimo lavoro di casa DreamWorks, Baby Boss (TRAILER), al cinema in anteprima il 17 aprile e poi a partire dal 20 aprile 2017. Un film di cui non si sa molto, se non che parla di un piccolo tiranno in grado di portare scompiglio in una famiglia normale composta da mamma, papà e figlioletto di sette anni, non troppo entusiasta (giustamente, visto il modo in cui si svolgono i fatti) dell’arrivo di un fratellino.

Il nuovo film di Tom McGrath presenta una situazione comune ma mai affrontata dal mondo dei film d’animazione con una tale originalità narrativa. L’arrivo di un fratellino può essere vissuto come una vera e propria tragedia, soprattutto se i genitori non sono pronti ed equipaggiati per far sì che l’altro figlio continui a ricevere l’affetto e le attenzioni che merita. I più grandicelli, al contrario, si trovano spesso ad essere liquidati con laconici “abbi pazienza”, “lui è piccolo”, “sei grande, cerca di capire”, che non fanno altro che confermare il presentimento che accompagna tutta la gravidanza: nulla sarà più come prima.

 

Ciò che però fratelli e sorelle maggiori non sanno è che la vita può diventare anche molto meglio di prima, se solo – dopo un normale periodo di assestamento – la complicità riesce a prendere il posto della gelosia, aprendo un mondo in cui tutto può essere condiviso e l’amore magicamente moltiplicato, senza alcun rischio di non essere più amati da mamma e papà. CONTINUA A LEGGERE LA NOSTRA RECENSIONE

Baby Boss: il nuovo film d’animazione DreamWorks è adatto all’età del mio bambino?

Una domanda lecita, dunque, alla quale tentiamo di rispondere nel VIDEO che segue, analizzando i contenuti di Baby Boss per mezzo ci alcuni criteri di valutazione, fondamentali per capire per quale tipo di pubblico è  più appropriato il film in questione. I criteri scelti sono Temi positivi, Scene di violenza/spaventose, Scene di sesso/amore, Parolacce.  Alla fine vi confidiamo anche quale è stata la nostra scena preferita… ovviamente evitando spoiler! Buona visione a tutti!

CONDIVIDI