Ricomincio da me: recensione

Ricomincio da me è un omaggio alla bravura di Jennifer Lopez, che ancora una volta riesce a conquistare lo spettatore in un film che è molto più di una commedia romantica!

Jennifer Lopez, all’alba dei suoi cinquant’anni, torna sul grande schermo con Ricomincio da me, una commedia gradevole e divertente che affronta la tematica della “seconda possibilità”, nella carriera e nella vita. Diretta da Peter Segal (La famiglia del professore matto50 volte il primo bacio e il recente Il grande match), si avvale della poliedrica Jennifer Lopez e di una fresca Vanessa Hudgens per delineare il rapporto madre – figlia e le possibilità lavorative nell’America dei giorni nostri.

Ricomincio da me: ambire alla carriera a 40 anni è possibile?

Maya e la sua amica Joan

Maya Vargas (Jennifer Lopez), vive nel Queens, ha quarant’anni e lavora come vicedirettore delle vendite in un grande centro commerciale; ha un bel fidanzato che vorrebbe mettere su famiglia e delle amiche che la sostengono nei vari progetti che intraprende per migliorare la sua posizione lavorativa. Ma quando le viene preferito un più giovane e meno esperto (ma dotato di un master ad hoc) per un lavoro al quale ambiva, la sua consapevolezza viene meno, lasciandola delusa di non aver conseguito una laurea da giovane. Sarà un desiderio di compleanno, però, a darle l’occasione che desidera: suo nipote le confeziona infatti un curriculum tanto falso quanto accattivante, accompagnato da un sito personale e da un profilo Instagram da lasciare senza fiato; in breve viene notata da un’importante azienda cosmetica, la Franklin & Clarke, che la assume come consulente. Maya dovrà dimostrare di cosa è capace e confrontarsi con la giovane e agguerrita figlia del proprietario, Zoe (Vanessa Hudgens).

Ricomincio da me: l’abito fa il monaco?

Maya e il suo nuovo team

In un’era in cui l’apparenza conta più che mai e in cui alcuni sono dei veri maestri a plasmare la propria immagine al di là della sostanza, la protagonista di Ricomincio da me è una donna intelligente e molto in gamba, a cui la vita non ha dato nessuna occasione. Se in un primo momento si può pensare di guardare una commedia leggera, il regista fa subito virare l’attenzione dello spettatore verso la realtà della situazione di Maya, in un paese in cui bisogna indebitarsi per andare al college ma che, al contempo, non permette di fare carriera senza un particolare titolo di studio. Lungi ogni critica a questo sistema (in Italia, strano a dirsi, è esattamente il contrario!), Segal ci intrattiene con una commedia dai momenti divertenti ma, come a suo solito (ricordate il film Terapia d’urto con Jack Nicholson?), “parla” allo spettatore di dinamiche reali.

Ricomincio da me: la combinazione Jennifer Lopez attrice e cantante funziona ancora

Maya “on the 6”

Correva l’anno 1999 quando Jennifer Lopez debuttò col suo primo album On the 6 e da subito affermò la sua presenza sia in campo musicale che cinematografico: il duetto film, canzone del nuovo disco fu immancabile per diversi anni (un esempio la pellicola Prima o poi mi sposo e il pezzo Love don’t cost a thing); ricordiamo anche che fu grazie al “vestito verde Versace di Jennifer Lopez” che nacque Google Images. All’alba dei suoi cinquant’anni (li compirà in Luglio), la Lopez è una star che riesce ancora a essere protagonista e a trainare una commedia simpatica ma anche riflessiva, a fianco di un valido cast, tra cui spiccano la verace Leah Remini e una fresca Vanessa Hudgens, quasi a disegnare un filo continuo rispetto all’icona di origini portoricane, cresciuta nel Bronx e diventata una star internazionale.

Jennifer Lopez in 5 film – Scopri qui le migliori commedie romantiche dell’attrice

Zoe e Maya

Segal rende omaggio alla Lopez confezionando il ruolo di una donna forte ma emotivamente insicura e regalando allo spettatore un omaggio dei tempi passati, facendogli ricordare il film Un amore a 5 stelle nelle riprese iniziali e il citato Prima o poi mi sposo con una scena di ballo che è praticamente identica a quella del film con Matthew Mcconaughey. Una regia pulita, una sceneggiatura classica (non priva di qualche cliché) e un cast coinvolgente fanno di Ricomincio da me una commedia gradevole e molto adatta al pubblico femminile, perfetta per una serata con le amiche.

Ricomincio da me è in uscita nelle sale italiane da giovedì 24 Gennaio, distribuita da Lucky Red.

Regia - 3
Sceneggiatura - 2.5
Fotografia - 3
Recitazione - 2.5
Sonoro - 3
Emozione - 3

2.8

Articoli correlati