Papa Francesco – Un uomo di parola: recensione

Papa Francesco - Un uomo di parola è un documentario che parla a cattolici e non sulle problematiche della nostra società e del nostro pianeta.

Wim Wenders ha accettato di girare Papa Francesco – Un uomo di parola a patto che la produzione fosse indipendente. Questo gli ha permesso di poter girare un documentario non religioso, ma sulla figura di Papa Francesco.
Il film segue il Pontefice nei suoi viaggi nel mondo, nei quali incontra emarginati e politici. Permette così di conoscerlo per ciò che fa e non per ciò che dice di fare. La parola che si trasforma in azione è il fulcro del documentario. Infatti nell’intervista esclusiva di Wenders, Papa Francesco parla della sua fede, degli ideali in cui crede e del modo in cui li pratica.

Bergoglio è un papa innovativo per la Chiesa Cattolica e non a caso ha scelto di chiamarsi Francesco. Il santo che porta questo nome ha lottato contro la povertà e le guerre di religione. La stessa missione dell’attuale papa, che si batte contro il dio denaro ed è favorevole al dialogo tra i diversi credi.

Le parole di Papa Francesco diventano fatti nel film di Wim Wenders

Papa Francesco – Un uomo di parola vuole parlare a cattolici e non, di tutte le estrazioni sociali e le nazionalità. Sta diffondendo nel mondo la sua positività e il suo amore per l’esistenza. Un uomo riflessivo, che parla poco ma quando lo fa è sincero e profondo. Comunica con i suoi gesti e soprattutto attraverso il suo sguardo pieno di gioia.

Per realizzare l’intervista Wenders ha utilizzato l’Interrotron per far sembrare che il papa guardasse dritto l’obiettivo. Wim Wenders non si vede né si sente e il Papa parla direttamente agli spettatori. Una scelta emozionale, che cattura l’attenzione. Bergoglio guardava in macchina senza rendersene conto, dato che in realtà parlava a tu per tu con il regista. Wenders ha abbattuto ogni imbarazzo davanti all’obiettivo, ricavandone un’intervista intima e tenera.

Wim Wenders e gli stratagemmi tecnici per portare alla luce il suo Papa Francesco: limpido e vero

Papa Francesco un uomo di parola cinematographe.it

Nell’intervista affrontano il tema dell’immigrazione, il consumismo, la giustizia sociale, le preoccupazioni ecologiche e la povertà. Questo dialogo, accompagnato dalle scene dei suoi viaggi nel mondo, crea una narrazione fluida e appassionante. Papa Francesco- uno uomo di parola non parla di catechismo e testi sacri, ma di una figura storicamente importante che si sta ribellando al sistema.
Papa Francesco con il suo linguaggio semplice e pratico riesce a farsi capire da tutti, dando uno spazio privilegiato a chi è isolato. A livello locale: andando nelle Filippine dopo il tifone o visitando i centri di detenzione a Napoli e Lampedusa. A livello globale invece parlando al memoriale dell’11 settembre. Si preoccupa del nostro pianeta, chiedendo a tutti di rispettarlo e di rispettarsi a vicenda.

Wenders sottolinea la somiglianza con l’autore del Cantico dei Cantici, incastonando le sue riflessioni in un film nel film. La vita di San Francesco (interpretato da Alessandro Lo Monaco) è raccontata da una pellicola in bianco e nero, che è stata girata dal regista stesso. Il linguaggio anni ’20 incontra uno sguardo registico contemporaneo. Wenders non è rimasto soddisfatto dai film di repertorio e per rientrare nel budget ha usato una macchina da presa a mano Debrie degli anni ’20. Così il film sembra un vecchio ritrovamento.

Leggi anche Wim Wenders sul film Papa Francesco – Un uomo di parola: “un papa rivoluzionario”

Wim Wenders e Alessandro Lo Monaco

Papa Francesco ha scelto questo nome per portare avanti un messaggio di pace e rinascita per tutti.

Gli esseri umani, pur essendo capaci del peggio, sono anche in grado di innalzarsi al di sopra di se stessi, optare nuovamente per il bene e ricominciare da capo.

Il film di Wenders crede in un futuro diverso, migliore per l’umanità e la natura, migliore per i nostri cuori. Un messaggio di speranza che evidenzia l’importante di un’azione individuale prima che comunitaria. Invita a superare i pregiudizi e l’egoismo per creare una società diversa, più libera e felice.

Papa Francesco – Un uomo di parola è un inno alla vita e una riflessione drammatica sul nostro presente, che scuote ed emoziona grazie alla fotografia e la musica. I linguaggi in questione sono la cornice accogliente, luminosa e rasserenante per questa storia.
Wim Wenders ha superato una nuova sfida con successo, difendendo i suoi valori e impegnandosi a rendere il mondo un posto migliore.

Papa Francesco – Un uomo di parola è in uscita nelle sale italiane dal 4 al 7 ottobre 2018.

Regia - 4
Fotografia - 4
Sonoro - 3
Emozione - 3.5

3.6

Articoli correlati