GIUDIZIO CINEMATOGRAPHE - FILMISNOW

VOTA IL FILM ORA!

3.4

MEDIA VOTI PUBBLICO

Famosa del 2019 è il primo lungometraggio della regista Alessandra Mortelliti, che firma anche la sceneggiatura insieme a Laura Pacelli. La fotografia è curata da Claudio Cofrancesco e il montaggio è di Mauro Bonanni; il cast è invece formato da Jacopo Piroli, Adamo Dionisi, Gioia Spaziani e Ginevra Francesconi. La pellicola è prodotta da Palomar e Rai Cinema e con la collaborazione di La Canica Films.

Famosa è stato scelto per far parte della sezione Panorama Italia di Alice nella Città, l’evento autonomo e parallelo la 14esima Festa del Cinema di Roma.

Alice nella città 2019: tutti i vincitori della diciassettesima edizione

Famosa: la trama del film

Famosa, cinematographe.it

Rocco Fiorella vive con i suoi genitori in un piccolo paese in provincia di Frosinone. Solo, incompreso e osteggiato (anche e soprattutto dal padre manesco e dalla madre isterica), il ragazzo è alla continua ricerca di un’accettazione sociale e di un affetto in grado di sollevarlo dalla pena che prova verso se stesso e, soprattutto, verso il suo corpo.

Egli coltiva il sogno di trasferirsi a Roma dove pensa di poter trovare il contesto adatto per provare a seguire il suo lato artistico e finalmente vivere un’esistenza appagante e liberatoria. L’unica fonte di conforto, il ragazzo la trova nell’amore che prova per un suo compagno di classe, nel rapporto con la zia e in quello con una ragazza che riesce in qualche modo a capire il suo mondo.

La famosa invasione degli orsi in Sicilia: miglior regia ad Alice nella città 2019

Quando finalmente arriva la sua opportunità, tramite le audizioni di un talent show per diventare ballerino, Rocco riuscirà a intraprendere il tanto agognato viaggio per la Capitale e alla scoperta di se stesso. Ma conoscete l’adagio: bisogna stare attenti a ciò che si desidera.

Famosa: un film vecchio fatto per i giovani

Famosa, cinematographe.it

Alessandra Mortelliti arriva al cinema con un adattamento della sua opera teatrale, in cui recitava anche la parte del protagonista, scritto con la co-sceneggiatrice Laura Pacelli, in cui cerca di fondere il contesto favolesco con una pellicola di riscatto sociale. Fallendo più o meno in tutti gli obiettivi.

Famosa sembra un film anziano, ambientato in un presunto contesto realistico, apparentemente fuori dal tempo e dallo spazio, in cui ogni personaggio sembra più una maschera caricaturale di cliché strausati e stravisti in ogni ambito artistico. I tempi e i respiri della narrazione, così come la natura dei dialoghi, non coinvolgono quasi mai, dando spesso un nuovo senso di stantio e sprecando del materiale anche buono, come la scrittura di Rocco, che, nonostante la fusione di tanti elementi canonici e ormai banali, continua ad avere quel non so ché di ingenuità romantica che lo avvicina allo spettatore. La messa in scena tra programma tv del primo pomeriggio e soap opera completa il pacchetto di una pellicola lontana, chiusa e incapace di dialogare con il contesto cinematografico in cui vorrebbe inserirsi e, soprattutto, con il pubblico a cui mira.

Famosa cinematographe.it

Un film in cui si parla di giovani, in cui si parla di autorealizzazione e che dovrebbe, anzi vorrebbe, puntare sulla motivazione e sul riscatto sociale, diventa quasi fin da subito una cantilenante e goffa ballata piena di sensazionalismo ingiustificato e colma di un vittimismo alla lunga fastidioso. La storia in sé convince ancora meno, lasciando nel pubblico una costante sensazione di banale e già visto.

Famosa della Mortelliti è un film giovane nato vecchio, che non batte mai un colpo e non se ne rende conto. Pare.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto