GIUDIZIO CINEMATOGRAPHE - FILMISNOW

VOTA IL FILM ORA!

3.6

MEDIA VOTI PUBBLICO

Dov’è il mio corpo? è film d’animazione francese, presentato al Festival di Cannes all’interno della Semaine de la Critique, da poco disponibile su Netflix. Esordio nel lungometraggio di Jérémy Clapin, Dov’è il mio corpo? è tratto dal romanzo Happy Hand di Guillaume Laurant, romanziere e sceneggiatore (Il favoloso mondo di Amélie), ed è interpretato da Victoire Du Bois, Patrick d’Assumçao e Hakim Faris.

Parigi. Naoufel (Hakim Faris) è un ragazzo delle banlieue, un fattorino un po’ sbadato che lavora per un pizzeria. La sua vita nella periferia parigina sembra piuttosto triste. Dopo essersi innamorato di una giovane bibliotecaria, Gabrielle, rischia tutto per cercare di rimettersi in contatto con lei. Dall’altra parte della città, una mano mozzata fugge da un laboratorio e intraprende un viaggio per riconnettersi con il suo corpo.

In Dov’è il mio corpo? la vita di una mano recisa si intreccia a quella di Naoufel

Dov'è il mio corpo? Cinematographe.it

Diviso in due trame che si intrecciano inevitabilmente tra loro, Dov’è il mio corpo? segue sia la vita di una mano recisa che quella di Naoufel, un ragazzo disincantato che cova sogni e speranze, un ragazzo che vede i suoi sogni di essere un astronauta, un pianista infrangersi, scontrarsi con la dura realtà della sua vita. Ma la vera protagonista della storia è la mano, che vaga per la città, che si fa strada tra piccioni, ratti, animali selvatici, che si fa strada attraverso Parigi per trovare il resto del suo corpo. Questo coraggioso flâneur fugge da un frigorifero ospedaliero e visita tetti, metropolitane, camion della spazzatura, camere da letto dei bambini, ricordando malinconicamente il passato.
Nel 2016, sempre a Cannes, è stato presentato un film d’animazione francese che in un certo senso ricorda Dov’è il mio corpo? ed è The Girl Without Hands (La Jeune Fille sans mains), scritto e diretto da Sébastien Laudenbach, basato su una fiaba dei Fratelli Grimm: al centro della storia una fanciulla a cui vengono tagliate entrambe le mani. Una storia particolare in cui viene usata una tecnica che ricorda gli acquerelli, quasi un’opera impressionista in movimento.

La mano recisa è un flâneur che si fa strada attraverso Parigi

Dov'è il mio corpo? Cinematographe.it
Nei suoi 80 minuti accattivanti e poetici, il lungometraggio dell’animatore francese Jérémy Clapin riesce a veicolare lo stesso tipo di sensazioni e il romanticismo del film di Laudenbach, con un’azione e una visionaria odissea quasi da road-movie. Dov’è il mio corpo? è pieno di effetti visivi sorprendenti e l’animazione, straziante e profondamente contemplativa, è decisamente orientata verso un pubblico maturo.

Esteticamente il film ha la particolarità di essere sommerso dai colori; c’è una scelta precisa nel prediligere colori asciutti, sintetici, il tutto impreziosito da una buona dose di animazione disegnata a mano. L’uso del colore è finalizzato per rafforzare i temi dell’alienazione, del ricordo e dei rapporti umani, tematiche attorno alle quali Jérémy Clapin costruisce un lungometraggio che cammina su due binari temporali ben distinti, un arco temporale narrativo che si sposta costantemente avanti e indietro.

Dov’è il mio corpo? è pieno di effetti visivi sorprendenti

Dov'è il mio corpo? Cinematographe.it

La particolarità di molte scene è che sono quasi completamente prive di dialoghi: le parole spesso non servono affatto, il dialogo è profondamente sintonizzato sulla natura fredda e combattiva della vita urbana, accattivante, travolgente, dura. Dov’è il mio corpo? non è tanto una storia d’amore quanto una storia su come affrontiamo una tragedia, una meditazione profonda sulla separazione, sul dolore, una storia originale e stravagante che riesce a toccare il cuore.

La storia non offre un finale conclusivo, neanche lontanamente; sceglie contrariamente di terminare il suo viaggio con una scena emblematica, in cui tutti i pezzi e i segmenti narrativi riescono in un certo senso a trovare una direzione coerente. Naoufel è uno scrigno di pensieri, dolori e rimpianti che sono rinchiusi negli oggetti, come il suo registratore di cassette d’infanzia, nei suoi ricordi, nella vista della città dal tetto di un edificio abbandonato, in un gesto, nel coraggio di tentare un’impresa irrazionale. Dov’è il mio corpo?, senza rispondere mai davvero a nulla, ci apre a uno scrigno infinito, profondo e inestricabile di possibilità.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

PANORAMICA RECENSIONE
Regia
Sceneggiatura
Fotografia
Recitazione
Sonoro
Emozione