Day Shift – A caccia di vampiri: recensione del film Netflix con Jamie Foxx

Jamie Foxx, Dave Franco e Snoop Dogg a caccia di vampiri nell’action-comedy di J.J. Perry, disponibile su Netflix dal 12 agosto 2022.

Tra le figure che al cinema sembrano proprio non volere passare di moda c’è quella del vampiro, tant’è vero che non vi è stagione che sul grande o piccolo schermo non si affaccino film o serie inscrivibili in quello che nel corso degli anni si è consolidato come un sottogenere appartenente alla famiglia allargata del fanta-horror. Stiamo parlando del vampire-movie, un filone anch’esso sottoposto nei decenni a un processo di ibridazione che lo ha visto via via lasciarsi contaminare da derive altre come quelle dell’action e della commedia, per andare incontro alle esigenze del mercato e ai gusti di una platea sempre più vasta ed eterogenea. Tra gli esempi più recenti di questo mix c’è Day Shift – A caccia di vampiri, rilasciato da Netflix in piena stagione balneare il 12 agosto 2022.   

Day Shift recensione, cinematographe.it

La qualità e la spettacolarità delle scene d’azione presenti sulla timeline sono il punto di forza di Day Shift – A caccia di vampiri

Day Shift recensione, cinematographe.it

A dirigerlo è stato chiamato J.J. Perry, che gli addetti ai lavori ricorderanno per la sua lunga carriera da stuntman e stunt coordinator di pellicole come Mortal Kombat, Blade, John Wick, Skyscraper e Fast & Furious 9. Insomma, un profilo e un curriculum i suoi, perfetti e in linea con la natura del progetto che i produttori della 87Eleven Entertainment e della Impossible Dream Entertainment hanno deciso di affidargli. Non a caso dalla visione emerge quanto la componente action sia un, se non il, punto di forza di un’operazione costata 100 milioni di dollari. E in effetti la qualità e la spettacolarità delle scene d’azione presenti sulla timeline lasciano pensare che in tal senso siano stati soldi ben spesi. Queste offrono al pubblico un vasto campionario di cinetica, che va dalle sparatorie alle detonazioni, dalle fughe pirotecniche agli inseguimenti, passando ovviamente per i combattimenti a mani nude e armati con ogni tipologia di lama. Sequenze come il corpo a corpo del protagonista con l’atletica vampira camuffata da arzilla vecchietta nel salotto, il tutti contro tutti nella casa alveare e quello nel centro commerciale dismesso, bastano e avanzano a certificarne l’efficacia. Queste da sole servono quantomeno a ripagare il prezzo del biglietto, che in questo caso si traduce in una quota parte dell’abbonamento mensile di agosto alla piattaforma a stelle e strisce con la grande N.    

Day Shift – A caccia di vampiri è una commedia d’azione a base di vampiri priva di grandi pretese e arida in termini di originalità

Day Shift recensione, cinematographe.it

Purtroppo non si può dire la stessa cosa della componente narrativa e drammaturgica che va a completare la restante fetta dell’operazione, con Tyler Tice e Shay Hatten che hanno consegnato al regista una commedia d’azione a base di vampiri priva di grandi pretese e arida in termini di originalità. Alla confezione tecnica, infatti, si contrappone uno script che non giustifica il minutaggio che sfiora le due ore. Ciononostante il film intrattiene senza annoiare, piazzando di tanto in tanto qualche battuta e citazione che riesce a strappare una dozzina di sorrisi. Ma al di là di questo si assiste all’ennesima scontro tra succhiasangue e umani incaricati di cancellarli dalla faccia della Terra. Il Bud Jablonski interpretato da Jamie Foxx è uno di questi, ma per svolgere la professione di cacciatore di vampiri e portare a casa le taglie utili a pagare da vivere a sé e alla sua famiglia deve fingersi un addetto alle pulizie di piscine. Con questa copertura può lavorare per un’agenzia in stile Men in Black e dare il benservito ai vampiri di turno.

Day Shift è un pop-corn movie da gustare nel tempo libero

Day Shift recensione, cinematographe.it

A leggere la sinossi si intuisce sin da subito quanto quello che scorrerà sullo schermo non aggiungerà nulla di significativo al già visto e al filone in questione, con le avventure vampiresche in quel di Los Angeles del protagonista che daranno vita a una maionese impazzita di azione e humour a buon mercato che permetterà al fruitore di trascorrere due ore in allegria, magari dopo una giornata trascorsa in spiaggia. Day Shift è un pop-corn movie da gustare nel tempo libero, che agli ingredienti sopracitati aggiunge anche dosi futili di slapstick e buddy cop, ma soprattutto di splatter oltre i limiti del kitsch per spingere ulteriormente sull’acceleratore. Ciò serve più che altro a rimpinguare trama e confezione per avvicinare sempre di più il film a un cocktail a base di Blade, Dal tramonto all’alba e Vampires.       

Regia - 3.5
Sceneggiatura - 2
Fotografia - 3
Recitazione - 2.5
Sonoro - 2.5
Emozione - 2

2.6

Tags: Netflix

Articoli correlati