x-men dark phoenix, cinematographe.it

L’ultimo capitolo X-Men: Dark Phoenix non sta dando i risultati sperati al botteghino: il regista del film spiega perché

X-Men: Dark Phoenix ha avuto un brutale weekend di apertura. Il potenziale dato dall’episodio finale della saga cinematografica X-Men è andato in frantumi al box-office con soli 32,8 milioni di dollari incassati, il minimo storico per il franchise nonostante un cast stellare e uno dei titoli più attesi nel mondo X-Men legacy. Dopo l’esordio deludente, lo sceneggiatore e regista Simon Kinberg ha rilasciato un’intervista schietta spiegando cosa è andato storto. In primis al banco degli imputati c’è la data d’uscita estiva, ma anche come la fusione tra Disney e Fox abbia influenzato l’esordio del film.

Ho sempre pensato che avessimo un appuntamento difficile per questo particolare film“, ha spiegato Kinberg. “Non è stato concepito come un classico film di supereroi, è stato realizzato come un film più drammatico, intimo, più piccolo. Originariamente sarebbe uscito a novembre, poi sarebbe uscito a febbraio, e quelle erano le date più appropriate per la buona riuscita del film“. Il regista ha poi continuato: “Inoltre uscire 5\6 settimane dopo uno dei film più grandi film nella storia del cinema (Avengers: Endgame), che è anche del genere dei supereroi, è stato difficile per noiE ho sempre anticipato che sarebbe stato difficile essere in prima fila su quel film“.

Mentre Kinberg ha evitato di chiedersi se è vero che James Cameron ha chiesto a Dark Phoenix di essere spostato in modo che Alita: Angelo della battaglia potesse tenere ferma la data di uscita di febbraio, ha precisato che Dark Phoenix avrebbe potuto non essere completato in tempo per il lancio di febbraio. “È difficile da sapere“, ha detto Kinberg. “Se avessimo accelerato alcune cose in quel film, forse sarebbe stato pronto entro quella data“, spiegando che le riprese successive su X-Men: Dark Phoenix non erano così intense come alcuni precedenti film degli X-Men.

In merito alla fusione tra Disney e Fox, annunciata all’inizio del processo di post-produzione di Dark Phoenix, Kinberg ha detto: “Beh, non c’è dubbio che le persone siano state licenziate o allontanate. Penso che le persone erano consapevoli che ci sarebbero stati massicci licenziamenti. Così il lato marketing e pubblicità di Fox è stato duramente colpito, e l’ho notato perché andavo alle riunioni di marketing ogni settimana e man mano mi accorgevo che non c’erano più delle persone. Erano persone con cui ho lavorato per molti anni su molti film che ho realizzato“. Kinberg ha chiarito che era sempre più preoccupato per i suoi colleghi e le loro famiglie che per il suo film, ma i licenziamenti non erano l’unico elemento dell’accordo che ha avuto un impatto sul marketing. La tempistica è stata inserita anche tra due periodi di proprietà, dando alla famosa macchina di marketing della Disney solo poche settimane primaX-Men:Dark Phoenix arrivasse nei cinema. “Sono chiaramente i migliori al mondo, Disney, nei film di marketing“, ha detto Kinberg, “Ma so che il loro processo di solito inizia con un anno di uscita dal film, e nel nostro caso, hanno ricevuto il film a due mesi dal rilascio … non potevano fare nulla fino a quando la fusione non fosse stata completata“.

Indipendentemente dal motivo, Kinberg si è assunto la piena responsabilità del debutto deludente del suo film. Vi ricordiamo che X-Men: Dark Phoenix è uscito nelle sale italiane il 6 giugno 2019.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto