Woody Allen potrebbe presto ritirarsi (ma sta pianificando un ultimo film)

Woody Allen sta progettando un nuovo film ambientato a Parigi, ma potrebbe ritirarsi presto dalle scene

Woody Allen si è isolato dal mondo da quando il rinnovato interesse per la sua presunta cattiva condotta sessuale – spinto dalla docuserie di HBO Allen v. Farrow – ha nuovamente fatto deragliare la sua carriera cinematografica, ma il celebre regista newyorchese martedì è tornato sulle scene per sfogarsi con un amico e collega piuttosto improbabile: Alec Baldwin. Il regista e l’attore si sono scambiati quattro chiacchiere in una diretta Instagram sull’account di Baldwin, in cui hanno anche discusso dei prossimi progetti di Allen che prevedono anche un nuovo libro (una raccolta di saggi umoristici intitolata Zero Gravity) e un nuovo film ambientato a Parigi, che dovrebbe entrare in produzione questo autunno.

Woody Allen sta progettando un nuovo film ambientato a Parigi, ma potrebbe ritirarsi presto dalle scene

woody allen cinematographe.it

Woody Allen ha rivelato a Baldwin che sta pianificando un film che girerà a Parigi questo autunno o alla fine dell’estate, ma che è nel complesso disilluso dalla situazione attuale del cinema e potrebbe finire presto la sua carriera. “Probabilmente farò almeno un altro film. Gran parte del brivido è sparito”, ha detto Allen. “Quando facevo un film entravo in un cinema in tutto il paese. Ora fai un film e ti ritrovi un paio di settimane in un cinema. Forse sei o quattro settimane e poi passa direttamente allo streaming o al pay per view… Non è la stessa cosa… Non è più divertente per me”.

Credo che sì, lavorerò di nuovo nel cinema, ma potrei voler dedicarmi di più alla scrittura.

Woody Allen ha visto il suo status a Hollywood erodersi fino all’osso negli ultimi anni, da quando la docuserie della HBO Allen v. Farrow ha fatto riemergere le accuse di abusi sessuali della sua figliastra, Dylan Farrow. Allen ha sempre negato tutte le accuse, ma molti degli attori con cui ha lavorato lo hanno denunciato. Alec Baldwin, tuttavia, è stato uno dei suoi difensori più accaniti, affermando che lavorare con lui in tre film è stato “uno dei più grandi privilegi della mia carriera”. Tuttavia, nonostante Baldwin e alcuni dei suoi più stretti collaboratori gli siano rimasti vicini, la carriera cinematografica di Allen ha innegabilmente sofferto da quando le accuse sono riemerse. Amazon ha annullato l’uscita nelle sale del suo film A Rainy Day in New York e il suo ultimo film, Rifkin’s Festival, è passato un po’ in sordina.

Fonte: IW

Articoli correlati