una scatenata dozzina, cinematographe.it

Produttore di Black-ish, Gail Lerner potrebbe essere il regista del remake di Una scatenata dozzina, già riportato al cinema nel 2003 con Steve Martin

Ci sarebbe anche un remake di Una scatenata dozzina fra i piani di Bob Iger, CEO della Disney. Il progetto era stato inizialmente annunciato come una serie TV pensata per Disney+, nuovo servizio streaming, ma alla fine pare che si tratterà di un film a tutti gli effetti, con un nome forse già scelto per il ruolo di regista: Gail Lerner, produttore di Black-ish e Happy Endings.

Nel suo compito di riportare Una scatenata dozzina al grande pubblico, Lerner potrà contare sull’aiuto di Kenya Barris, creatore di Black-ish e Grown-ish. Jenifer Rice Genzuk si occuperà di firmare la sceneggiatura, mentre Donald J. Lee Jr. è a bordo come produttore. L’obiettivo è che la squadra già in grado di trasformare la serie TV su una famiglia afro-americana in un grande successo, ripeta l’impresa per questo remake.

Leggi anche – Svelati i primi dettagli della serie TV Disney+ su Loki?

Il franchise di Una scatenata dozzina è basato sull’omonimo libro del 1948, scritto da Frank Bunker Gilbreth Jr. ed Ernestine Gilbreth Carey, resoconto autobiografico della loro numerosa famiglia durante gli anni ’20. Il libro fu adattato in un film nel 1940, dalla Fox, con Clifton Webb e Myrna Loy nel cast; lo studio ne ha poi realizzato un remake nel 2003, con Steve Martin e Bonnie Hunt protagonisti, che ha generato anche un sequel.

Il nuovo remake di Una scatenata dozzina, che si vocifera possa debuttare nell’autunno del 2020, si aggiunge dunque ai rifacimenti di note proprietà che la Disney ha messo in cantiere per la propria piattaforma. Fra quelle annunciate in precedenza vi sono Mamma, ho perso l’aereo, Diario di una schiappa e Una notte al museo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto