Trieste Science+Fiction Festival 2021: Abel Ferrara riceve il Premio Asteroide

Per l'occasione, verrà proiettato in anteprima il suo ultimo film Zeros and Ones.

Da leggere

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Ayla – la figlia senza nome: la storia vera del film di Can Ulkay

Ayla - la figlia senza nome è un film del 2017 diretto da Can Ulkay. Ambientato durante la guerra...

L’uomo dei Ghiacci: la spiegazione del film con Liam Neeson

Arriva Liam Neeson e con un pugno salva tutti. Più o meno. Diciamo che L'uomo dei Ghiacci fa un lungo giro...

Block title

L’edizione 2021 del Trieste Science+Fiction Festival assegna il Premio Asteroide alla carriera al cineasta di culto e maestro del cinema di genere Abel Ferrara

L’edizione 2021 del Trieste Science+Fiction Festival, che avrà luogo dal 27 ottobre al 3 novembre presso il capoluogo giuliano e online sulla piattaforma SciFiClub di MYmovies, assegna il Premio Asteroide alla carriera al regista Abel Ferrara, cineasta di culto e maestro del cinema di genere. L’autore newyorkese presenzierà alla manifestazione triestina e ritirerà il premio durante la cerimonia ufficiale al Politeama Rossetti in data lunedì 1 novembre alle ore 20.00. A seguire verrà proiettato in anteprima il suo ultimo film Zeros and Ones, un thriller dai toni noir con protagonista l’attore Ethan Hawke. Scritto durante la prima fase della pandemia, il film segue le vicende di JJ, un soldato americano in una Roma all’indomani di un assedio apocalittico, in lockdown a causa di un’epidemia e di una guerra imprecisata.

Abel Ferrara è nato nel Bronx, presso lo stato di New York, nel 1951. Ha diretto il suo primo Super 8 da ragazzo e ha iniziato molto presto a collaborare con gli sceneggiatori Nicholas St. John e John McIntyre. Nei tardi anni ’70 ha dato inizio alla sua carriera da regista di lungometraggi con The Driller Killer (1979) e L’angelo della vendetta (1981). Negli anni ’90 raggiunge il successo internazionale grazie al neo-noir King of New York (1990) e a Il cattivo tenente con Harvey Keitel, che viene presentato al Festival di Cannes nel 1992 in Un Certain Regard. La decade si conferma essere ricca di ispirazione per il regista, che negli anni successivi pubblica Ultracorpi – L’invasione continua, The Addiction, che è selezionato alla Berlinale nel 1995 e Fratelli, che vince due premi alla Mostra di Venezia nel 1996. Il suo ultimo lungometraggio Zeroes and Ones ha vinto il premio per la miglior regia all’edizione 2021 del Festival di Locarno.

Leggi anche Trieste Science+Fiction Festival 2021: svelato il programma della celebre kermesse

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Articoli correlati