Top Gun: Maverick - Cinematographe.it

Il primo trailer di Top Gun: Maverick, presentato da Tom Cruise al Comic-Con di San Diego, ha suscitato polemiche tra alcuni utenti di Internet

Alcuni utenti di Twitter, fan del Top Gun originale, avrebbero infatti notato che nel trailer di Top Gun: Maverick le bandiere di Taiwan e Giappone non sono più rappresentate nelle toppe sulla giacca di pelle del pilota interpretato da Tom Cruise.

Un tweet che ha segnalato il cambiamento “approvato dal Partito Comunista cinese” è diventato virale con oltre 15.000 like. Un’immagine di accompagnamento mostra la stessa giacca, ma con le bandiere del Giappone e di Taiwan sostituite da simboli non identificati in combinazioni di colori simili.


Il sequel diretto da Tony Scott è prodotto dalla partner della Paramount Pictures, Skydance Media, e dalla compagnia di produzione cinese Tencent Pictures, che spiega cosa alcuni commentatori chiamano “assecondare” a Pechino.


Ma un altro utente di Twitter ha dato una spiegazione alternativa per il cambiamento: la giacca indossata dal Pete “Maverick” Mitchell di Tom Cruise nel film del 1986 mostrava la scritta “Far East Cruise 63-4”, mentre la patch aggiornata mostra “Indian Ocean Cruise 85-86” ed è un riflesso dei successi di Mitchell.

QUI il trailer ufficiale del film con Tom Cruise

Sembra che nel film originale, la toppa sia di suo padre dalla sua esperienza in Vietnam mentre la seconda sarebbe la sua. La seconda mostra 85-86, quando l’originale è uscito e ha scritto sopra Indian Ocean Cruise, dove sono avvenuti i combattimenti alla fine dell’originale.

Nel cast di Top Gun: Maverick insieme a Tom Cruise troviamo anche Miles Teller, Jennifer Connelly, Jon Hamm, Ed Harris e Val Kilmer. Il film arriverà nelle sale cinematografiche il 26 giugno 2020.

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE