The Irishman Netflix, cinematographe.it

Josh Trank, regista dell’ultima trasposizione cinematografica dei Fantastici 4, nelle sue recenti dichiarazioni ha attaccato pesantemente la Marvel e lodato l’ultima fatica di Martin Scorsese, The Irishman.

Continua la guerra dei cineasti nei confronti della Marvel. L’apripista qualche settimana fa è stato Martin Scorsese, poi via via tutti gli altri, tra cui un’altra figura di spessore nel mondo della settima arte quale Francis Ford Coppola. Nelle ultime ore, Josh Trank, regista dell’ultimo discusso e bocciato Fantastici 4, ha deciso di dire la sua non mandandole a dire, difendendo The Irishman e attaccando la Marvel.

The Irishman, cinematographe.it
The Irishman: Il regista di Fantastici 4 loda il film e attacca la Marvel

Attraverso il suo profilo Twitter, il regista ha voluto pubblicamente lodare in particolare le scene iniziali di The Irishman, l’ultima fatica proprio di Martin Scorsese, paragonandole ai contenuti presenti nei vari cinecomic targati Marvel:

I primi cinque minuti di The Irishman hanno più umanità, verità e intreccio cinematografico di tutta la durata di ogni singolo film Marvel. Scusate sono fatti. Ps: Non mi dispiace affatto

Una dichiarazione che, ovviamente, ha scatenato l’ira funesta dei fan della Marvel che si sono subito catapultati sul suo profilo per criticare le sue dichiarazioni definite abbastanza fuori luogo. Il regista, dal canto suo, ha rilanciato:

Non venitemi a parlare di storia del cinema, di come valutare un film, di arte, rischi professionali, correttezza nei confronti dei film e dell’arte. I veri amanti del cinema hanno capito le mie parole e sono d’accordo con me.

Risultato finale? Josh Trank ha dovuto disattivare il proprio profilo Twitter per le decine e decine di critiche nei suoi confronti.

 

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE