The Help – Viola Davis: “mi sono pentita di aver interpretato il mio ruolo”

Una cosa che appesantisce la coscienza di Viola Davis è il suo ruolo in The Help, che è stato criticato per l'eccessivo credito dato alle donne bianche nel migliorare i rapporti razziali.

Da leggere

Marvel: Sony annuncia due nuovi film per il 2023

La Sony continua ad ampliare il suo Universo di Personaggi Marvel. Altri villain di Spider-Man in arrivo? Il Sony Pictures...

Avete visto il padre di Ryan Reynolds? Era un poliziotto ed è morto di morbo di Parkinson all’età di 74 anni

Anche nelle vite di successo si possono nascondere grandi dolori. Lo sa bene Ryan Reynolds, uno degli attori più...

Spider-Man: No Way Home, la cover di Empire spoilera un nuovo villain?

La nuova cover di Empire Magazine dedicata a Spider-Man: No Way Home sembra confermare la presenza di un altro...

Block title

Viola Davis ha rivelato di avere dei rimpianti per uno dei suoi ruoli nominati all’Oscar, quello di The Help

Se ho mai interpretato un ruolo di cui mi sono pentita? The Help è in quella lista“, ha detto Viola Davis al New York Times al Toronto Film Festival. Come parte di una serie di domande presentate dai lettori del Times, Viola Davis ha condiviso le personali riflessioni sulla sua carriera, inclusa la costante pressione di essere un faro di speranza per le donne di colore. “Essere quel modello e prendere in mano quel testimone quando si sta combattendo nella propria vita è stato difficile“, ha detto, ma “scelgo di essere la leader“.

Ciò che appesantisce la sua coscienza, ha detto, è il suo ruolo in The Help, che è stato criticato per l’eccessivo credito dato alle donne bianche nel migliorare i rapporti razziali, invece di porre più enfasi sulle vere eroine della storia, cameriere nere come il personaggio di Davis Aibileen.

The Help: recensione del film con Emma Stone

Alla fine ho sentito che non erano le voci delle cameriere ad essere ascoltate – ha detto – Conosco Aibileen. Conosco Minny. Sono le mie nonne. Sono mia madre. E so che se si fa un film in cui tutta la premessa è, voglio sapere come ci si sente a lavorare per i bianchi e ad allevare figli nel 1963, voglio sentire come ci si sente davvero. Non l’ho mai sentito nel corso del film.

Ha detto, comunque, di essere fermamente convinta che sia stata una bella esperienza e che continua a pensare con affetto a tutti quelli con cui ha lavorato.

Le amicizie che ho formato sono quelle che avrò per il resto della mia vita – ha detto al Times – Ho avuto una grande esperienza con queste altre attrici, che sono esseri umani straordinari. E non potrei chiedere un collaboratore migliore di [il regista] Tate Taylor. “

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Marvel: Sony annuncia due nuovi film per il 2023

La Sony continua ad ampliare il suo Universo di Personaggi Marvel. Altri villain di Spider-Man in arrivo? Il Sony Pictures...

Articoli correlati