The Burial: Tommy Lee Jones raggiunge Jamie Foxx nel cast del film

La pellicola è prodotta da Amazon ed è tratta da una storia vera.

Da leggere

L’avete riconosciuto? Ha un nome molto comune, è stato un bambino ribelle ed è stato vittima di un’orrenda mutilazione

Ha avuto la possibilità di lavorare con il mitico Paolo Villaggio Al teatro si è appassionato in tenerissima età, seguendo...

È stata la mano di dio: il film di Sorrentino è il candidato italiano all’Oscar

Nel concorso per il miglior film internazionale, l'Italia sarà rappresentata agli Oscar da È stata la mano di dio,...

A Good Person: due note attrici nel cast del nuovo film di Zach Braff

Il cast di A Good Person, il nuovo film diretto da Zach Braff, si arricchisce della presenza di Zoe...

Block title

Tommy Lee Jones sostituisce Harrison Ford all’interno del cast di The Burial, il nuovo film drammatico prodotto da Amazon

Tommy Lee Jones (Men in Black, Non è un paese per vecchi) entra a far parte del cast di The Burial, il film drammatico, che può contare anche sulla partecipazione di Jamie Foxx (Django Unchained, Baby Driver – Il genio della fuga), di cui Amazon ha da poco avviato la produzione. L’attore è stato coinvolto nella sua realizzazione dopo che Harrison Ford, a cui era stato affidato il ruolo in un primo momento, ha scelto di prendere le distanze dal progetto.

Per il momento, fatta eccezione per i già citati Tommy Lee Jones e Jamie Foxx, non si è al corrente della composizione del cast di The Burial. Quello che invece è noto è che Foxx prenderà parte alla sua realizzazione anche in veste di produttore e che la regia è stata affidata a Maggie Betts, per cui la pellicola rappresenta il secondo tentativo di realizzare un lungometraggio. La scelta, il film d’esordio della Betts, è stato presentato in anteprima all’edizione 2017 del Sundance Film Festival ed è valso alle regista il prestigioso premio della giuria per il miglior regista esordiente.

Le vicende narrate da The Burial si basano su di una vicenda realmente accaduta, ampliamente documentata in un articolo di Jonathan Harr, pubblicato sulla prestigiosa rivista The New Yorker. Il pezzo racconta di come il proprietario di una agenzia di pompe funebri costretta al fallimento abbia scelto di fare causa a un suo concorrente dopo che questo non ha voluto tenere fede a un accordo verbale, siglato da una stretta di mano. Per portare in aula il suo rivale, l’imprenditore si è rivolto a un avvocato appariscente e sopra le righe.

Leggi anche Indiana Jones 5: Harrison Ford e Mads Mikkelsen sul set siciliano [FOTO]

SourceDeadline

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

L’avete riconosciuto? Ha un nome molto comune, è stato un bambino ribelle ed è stato vittima di un’orrenda mutilazione

Ha avuto la possibilità di lavorare con il mitico Paolo Villaggio Al teatro si è appassionato in tenerissima età, seguendo...

Articoli correlati