Terminator: Destino Oscuro

Tim Miller dopo Terminator: Destino Oscuro non collaborerà mai più con James Cameron

Il regista di Terminator: Destino Oscuro ha raccontato che sta “ancora elaborando il fallimento al botteghino del tentativo di rilancio del franchise”. Il reboot ha permesso l’attesa reunion delle star Arnold Schwarzenegger e Linda Hamilton, con il produttore James Cameron, celebre regista di Terminator del 1984 e Terminator 2: Il giorno del giudizio del 1991, ma come sappiamo l’operazione non ha avuto una risposta positiva da parte del pubblico. Tim Miller ha poi chiarito che la mancanza di controllo sul prodotto finito non renderà possibile la sua futura collaborazione nel franchise. Il problema sono le divergenze nate tra Tim Miller e James Cameron.

Nonostante il persistente “trauma” collegato al flop di Terminator: Destino Oscuro, che ha incassato 234 milioni di dollari in tutto il mondo dalla sua apertura negli Stati Uniti nella data dell’1 novembre, il regista del film ha affermato di essere in buoni rapporti con James Cameron a livello personale – ma la loro relazione professionale non si estenderà oltre quella che doveva essere l’inizio di una nuova trilogia. “Anche se Jim è un produttore e anche David Ellison è uno dei produttori, e tecnicamente hanno potere sul final cut e potere per avanzare modifiche, c’è sempre il mio nome come regista del film. Anche se perderò la guerra, sento ancora l’obbligo di combattere, perché questo è quello che il regista dovrebbe fare. Lotta per il film” ha spiegato Tim Miller a ComicBook.

I dissidi avuti con James Cameron riguardano in particolare la trama del film: sono di Cameron le scelte di aver cancellato Skynet e aver introdotto il nuovo antagonista Legion. I due in questione erano anche in disaccordo sulla visione del futuro della storia: Cameron preferiva un futuro in cui l’umanità fosse vittoriosa, e Miller preferiva il contrario. Nonostante Miller non fosse d’accordo Cameron ha imposto la sua visione incrinando i rapporti lavorativi. Miller ha raccontato che era in dubbio anche sulla reazione che Cameron avrebbe avuto al final cut, ma dopo la proiezione le cose sono andate così:  “C’erano molte cose che avevo tagliato che Jim pensava fossero importanti come alcune scene che su cui avevamo avuto disaccord “, ha detto Miller. “Alla fine le luci si sono accese e Jim ha detto ‘ abbiamo un film'”. Secondo il regista, la maggior parte delle loro divergenze ruotava attorno a piccole battute che Miller affermava essere “poetiche e belle” ma su cui Cameron le ha posto il veto. “Avrei combattuto per quella linea, perché era importante per me. Ma al pubblico interessa davvero? Probabilmente no”, ha concluso Miller.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE