Spider-Man cinematographe.it

I fan dell’amato Spider-Man hanno ideato un piano per riportare l’eroe nel Marvel Cinematic Universe

Con la notizia uscita ieri sera che il coinvolgimento dei Marvel Studios e di Kevin Feige con la serie dei film su Spider-Man è giunto al termine, i fan dell’amato Uomo Ragno hanno ideato un piano per reintrodurlo nel Marvel Cinematic Universe – un attacco vero e proprio alla Sony Pictures.

Su Facebook, infatti, è già apparso un evento: “Attaccare la Sony e riportare Spider-Man a casa nel MCU”. L’evento, programmato per Halloween, ha un piano piuttosto diretto e onesto. Secondo i dettagli dell’evento, coloro che parteciperanno “attaccheranno la Sony Pictures vestendosi, per solidarietà, con costumi di Spider-Man e riporteranno il loro ragazzo a casa”. L’evento (che potete vedere QUI), al momento in cui è stato scritto questo articolo, ha 794 partecipanti confermati e altre 724 persone che hanno segnalato il loro interesse.

Spider-Man lascia il Marvel Cinematic Universe! Salta l’accordo con Sony

In generale, occorre ammettere che questo evento è sicuramente uno scherzo. Dopotutto, Spider-Man è un personaggio immaginario, non è una persona reale che si nasconde negli uffici della Sony, quindi attaccare lo studio non riporterà nessuno a casa. Tuttavia, l’idea dei fan di mostrarsi vestiti da Spidey, in segno di protesta, non sembra così inverosimile. Nel 2018, i fan DC speravano di convincere la Warner Bros. a rilasciare il cosiddetto Snyder Cut di Justice League mostrandosi al di fuori dello stesso studio, molti dei quali vestiti in costume, per mostrare il loro sostegno a favore della release. Nonostante ciò, quei fan non hanno vinto la loro battaglia, considerando che la Warner Bros. non ha diffuso la versione del film di Zack Snyder.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE